Utente
Salve, sono una ragazza di 23 anni, non è la prima volta che chiedo un consulto l'ho già fatto ma in un campo differente. Riassumo in breve la mia situazione, sono circa 3 mesi che non sono più la stessa persona di un tempo, tutto è iniziato improvvisamente da banali dolori fisici che pian piano mi hanno provocato uno stato di depressione seguito poi da uno stato di ansia costante negli ultimi mesi. Non ho mai avuto particolari preoccupazioni sulla salute pur riconoscendo di essere una persona apprensiva ma ho toccato il fondo negli ultimi mesi.. probabilmente in seguito ad anni difficili che ho vissuto in famiglia allo stress accumulato per tanti motivi.. in questi mesi ho avuto tutti i tipi di dolori.. sensazione di spilli ovunque, formicolii, dolori improvvisi, dolori al petto, bruciori al petto, bruciori alla testa, nodo alla gola, sudorazione notturna, insonnia, fastidi intestinali.. l'elenco sarebbe infinito davvero.. mi sono "tranquillizzata" (relativamente) solo dopo aver effettuato analisi del sangue (compreso tiroide), ecografia addome, ecografia tiroide, ecocardio, radiografia torace, visita al seno.. nel tempo più facevo i controlli più le mie paure si facevano vive ma subito dopo per fortuna diminuivano grazie agli esiti tutti nella norma.. ma.. nonostante ciò nella mia testa è scattato qualcosa.. dopo aver fatto tutti questi controlli una sera iniziai per esclusione a pensare al fatto che non avevo fatto una risonanza o un controllo alla testa.. da lì in poi mal di testa frequente.. fitte intermittenti alla testa che durano pochissimi secondi che si presentano 5-6 volte in una giornata, nausea , a volte vertigini .. (il tutto da circa una settimana) insomma io ora scrivo a qualcuno di voi medici che mi risponderete perché sono disperata davvero.. non pensavo che avrei mai provato una disperazione cosi forte solo per l'ansia.. ma ora è cosi.. non riesco a non pensare cose gravi.. a volte in modo lucido penso che possa dipendere dall'ansia , ma altre volte inizio a preoccuparmi e temo anche di sottovalutare i sintomi.. sottolineo che soffro un po' di sinusite e a volte cervicale.. sinceramente scrivo qui perché io ora non voglio arrivare a fare anche una Rm.. in passato circa 4 anni fa l'ho già fatta perché soffro di emicrania con aura che negli ultimi anni sta avvenendo con frequenza minore per fortuna.. vi chiedo ora con il cuore in mano un consiglio al riguardo prima di dover effettuare altre visite obbligate dalle mie paure. Grazie in anticipo.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Ragazza,

dal contenuto del post si evince un notevole stato ansioso che va affrontato tempestivamente.
Non può vivere con questa qualità della vita, peraltro alla Sua giovanissima età.
Si rivolga ad uno psichiatra per un inquadramento diagnostico corretto ed un'adeguata terapia.
Stia tranquilla.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per aver risposto così velocemente. Ma quindi lei crede che questi sintomi che sento ad esempio alla testa possano anch'essi far parte dello stato ansioso che mi assale?

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

Lei scrive che la sintomatologia alla testa è insorta dopo "aver pensato di non avere fatto una RM o un controllo alla testa", per cui l'origine ansiosa è concreta.
Per Sua sicurezza può effettuare una visita neurologica ma con tranquillità.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Si in effetti ho voluto descrivere tutta la situazione perché credo che ci sia bisogno di una certa oggettività per chi legge nel capire la situazione è avere una visione completa.. e infatti io oltre a soffrire a volte di emicrania con aura ma ormai da tempo, non soffro spesso di mal di testa.. ma da quando ho iniziato a pensare quelle cose sembra invece il contrario.. cercherò di manterene la calma nel caso non passi farò una visita.. il mio medico di base mi aveva prescritto compresse ad erbe calmanti, ma l'effetto era molto lieve e inoltre io non accettavo di doverle assumere perché speravo di riuscire a superare il tutto senza aiuto di compresse o altro.. peró più passa il tempo è più capisco che forse ne ho bisogno.. l'unica cosa positiva in tutto ciò è che sono molto consapevole del mio stato ansioso anche se non riesco a combatterlo.. perché a volte sono incredula al fatto che la sola ansia possa comportare tutto ciò..

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

spesso i disturbi d'ansia non possono essere controllati dalla "volontà" né essere gestiti autonomamente dal paziente per cui un aiuto farmacologico e/o psicoterapico è essenziale per venirne fuori e per non fare cronicizzare o peggiorare il problema.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro