Utente 463XXX
Buonasera a tutti, un paio di mesi fa postai un consulto su delle cefalee e altri sintomi , fascicolzioni tremori ecc.. adesso ha due mesi che provo una stana sensazione, soffro di ansia e attacchi di panico che sto curando con Xanax 0,25 mezza cp al mattino, mezza pomeriggio e mezza sera , una cp di cipralex da 10 mg dopo pranzo. La terapia mi ha calmato un po’ l’ansia adesso riesco a gestire meglio ma non proprio benissimo gli attacchi di panico, la mia ipocondria invece rimane, le mie ossessioni anche sono ossessionata dai medici vado sempre a fare analisi e a controllarmi. Ma da un po’ di tempo che provo dei sintomi stranissimi, soffrendo di derealizzazione da quando sono piccola ci sono già abituata ma non mi era mai capitato questa sensazione che mi coglie all’improvviso di testa vuota, come se mi sentissi distaccata dal mondo e non riesco a parlare ne a muovermi , mi sento strana mi sento impazzire e morire in quel momento, come se durante il giorno mi addormentassi e mi risvegliassi , sono attacchi che durano 5/10 min. Quando parlo sembra che non sono io che sto parlando mi sento presa dalle bombe come si suol dire.Poi mi capita che quando vado a letto e chiudo gli occhi nonostante io sia stanchissima praticamente non appena chiudo gli occhi già sto sognando e allora mi risveglio due tre volte prima di prendere sonno perché mi sento chebnon posso muovermi e ne respirare durante questo momento in cui comincio a sognare e sembra che caso nel vuoto . Non so ma ho paura di qualche attacco di epilessia o un inizio, ho fatto due mesi fa una risonanza magnetica encefalo senza mdc negativa. Cosa devo fare per arrivare ad una diagnosi e non avere questi sintomi ? Sono stanchissima non c’è la faccio più voglio sono stare bene

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

mi pare che non si possa parlare di epilessia, gli episodi notturni che descrive sono verosimilmente delle paralisi da sonno in cui Lei ha l'impressione di essere paralizzata, spesso anche nel respiro, ma sono episodi benigni in cui il respiro non viene compromesso, è solo una Sua sensazione.
In generale la terapia in atto sembrerebbe non molto efficace, dovrebbe rivolgersi al Suo psichiatra di fiducia o sentire un altro parere, sempre psichiatrico, s'intende.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro