Ansia? stress? vertigini.

Salve, mi chiamo Mattia e ho 21 anni.
Un paio di mesi fa ho avuto un periodo difficile, mi son lasciato con la mia ragazza e per me e stato un grandissimo trauma. Da un due mesi soffro di vertigini specialmente se sono in mezzo alla gente in piedi o dentro i negozi. Sono andato dal mio medico e insieme abbiamo capito che si trattava di crisi di panico e mi ha prescritto degl'ansiolitici. Ora dopo due settimane che prende le gocce giornaliere devo dire che l'unica cosa che sia cambiata è che riesco a controllare un pò meglio l'ansia e l'agitazione (fattori che ultimamente mi venivano per niente anche a casa accompagnati ogni tanto anche da tachicardia) e sono sempre più stanco e assonato per via delle gocce. Da una settimana ogni mattina dopo aver fatto colazione mi vengono delle leggere vertigini accompagnate da una specia di formicolio nella parte superiore della nuca e da un fastidio leggerissimo alle palpebre e ogni tanto da una sensazione di pesantezza della testa e del collo. La mia preoccupazione è sempre quella che non si tratti di ansia e stress accumulato ma da qualcos'altro. Volevo sapere, le vertigini o questa sensazione di formicolio dovute a ansia e stress possono capitare cosi casualmente nell'arco della giornata per esempio la mattina o appena mi alzo da un tavolo del bar?
Ringrazio già anticipatamente per le vostre risposte.
[#1]
Dr.ssa Franca Esposito Psicologo, Psicoterapeuta 7k 154
Gentile ragazzo,
I sintomi che ci riferisce sono dovuti a stress e ad ansia, ma potrebbe darsi che siano anche effettii collaterali dewl farmaco che sta prendendo.
Chieda al medico che glielo ha prescritto eventualmente di cambiarlo.
Saluti

Dott.a FRANCA ESPOSITO, Roma
Psicoterap dinamic Albo Lazio 15132

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio perchè almeno ora posso stare un pò più tranquillo sul problema e cercare di affrontrarlo.
[#3]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,6k 493 45
Gentile ragazzo, potresti anche valutare l'idea di parlare di questo periodo stressante con uno psicologo.

Infatti i sintomi che riferisci, se come ti ha detto il medico sono riferibili ad ansia e panico, hanno un loro significato e non è un caso o a caso che si presentano durante la giornata.

Però per rispondere alla tua domanda è necessario il colloquio psicologico di persona.

Saluti,

Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#4]
dopo
Utente
Utente
Diciamo che siamo andati a colpo sicuro nel pensare alle crisi di panico perchè anche davanti al dottore quindi dentro una stanza mi son fatto prendere dall'ansia e dalle vertigini e non riuscivo a stare fermo con le gambe e le braccia, tipico comportamento da crisi di panico. Comunque la ringrazio e vedrò di prendere il più presto possibili un provvedimento.
[#5]
Dr.ssa Sabrina Camplone Psicologo, Psicoterapeuta 4,9k 86 99
Gent.le ragazzo,
se la rottura della relazione affettiva con la tua ragazza ha avuto un impatto così intenso su di te è possibile che tu abbia bisogno di uno spazio d'ascolto per elaborare questa esperienza, evitando che possa condizionare negativamente le eventuali relazioni future.
Puoi rivolgerti al Consultorio Familiare della tua ASL e prenotare un colloquio con uno Psicologo, qui trovi le informazioni per prendere contatti:
http://www.ulssvicenza.it/nodo.php/1241

Dr.ssa SABRINA CAMPLONE
Psicologa-Psicoterapeuta Individuale e di Coppia a Pescara
www.psicologaapescara.it

[#6]
dopo
Utente
Utente
Il punto e che con la mia ragazza siamo ritornati insieme quindi per me dovrebbe essere il momento piu felice della mia vita e invece lo è a metà.
[#7]
Dr.ssa Sabrina Camplone Psicologo, Psicoterapeuta 4,9k 86 99
Gent.le ragazzo,
vivere in funzione di come "dovrebbe essere" può essere fuorviante, tu stai sperimentando un disagio è forse hai difficoltà ad accettarlo, ecco perché essere utile parlarne con uno Psicologo.
[#8]
dopo
Utente
Utente
E mia intenzione andare da uno psicologo a breve. Ma per esempio oggi e tutto il giorno che o mi sento premere nelle tempie o comunque fastidio leggero alla testa e appena mi alzo o se sto seduto mi vengono vertigini. Non riesco a capire se è per l'ansia dovuta dal mio pensiero sempre fermo su quale potrebbe essere il problema
[#9]
Dr.ssa Franca Esposito Psicologo, Psicoterapeuta 7k 154
Gentile ragazzo,
Certamente uno stato di tensione o di applicazione intensa peggiora la sintomatologia perche' va a contrastare lo stato di rilassamento indotto dal farmaco.
Quando avra' una giornata lbera e tranquilla in cui puo' stare rilassato provi a vedere se nota gli stessi fastidi o sono meno percepibili.
Concordo comunque con il consiglio della collega, per fronteggIare uno stato di disagio deve rendersi conto da cosa e' prodotto ed elaborarlo nella condizione psicoterapeutica.
I migliori saluti
[#10]
dopo
Utente
Utente
Vi ringrazio per le vostre risposte. Ovviamente essendo in un periodo d'ansia come il mio avere giornate come quella di oggi dove non riuscivo nemmeno a stare in piedi, la prima cosa che viene da pensare e che ci sia qualcosa di grave quando molto probabilmente sono solo le mie fissazioni mentali che aggravano tutto.
[#11]
dopo
Utente
Utente
Ho deciso di provare a fare controllare se si potrebbe trattare di cervicale e un massaggiatore mi ha detto che ho un anello della seconda o treza vertebra grossissimo, facendomi dei massaggi e da due giorni che a colpi sento del fastidio sulla parte destra del collo fin sotto l'orecchio e ogni tanto e come se si tappasse. Ovviamente non spiega tutti i miei problemi perche comunque o al bar o nei negozi le vertigini e senso di instabilità arrivano subito come sempre.
[#12]
Dr.ssa Sabrina Camplone Psicologo, Psicoterapeuta 4,9k 86 99
Gent.le utente,
nel colloquio con lo Psicologo può affrontare il tuo disagio partendo dalle sensazioni corporee, in secondo luogo può rivolgersi al suo medico di base per avere indicazioni in merito ad eventuali approfondimenti diagnostici.
[#13]
dopo
Utente
Utente
Ora è un momento difficile per avere un appuntamento con un psicologo visto il periodo di ferie ecc ecc. Intanto il mio medico mi ha prescritto una cura con lo XANAX, 3 pastiglie al giorno. Ora le prendo da 4 giorni e qualche leggero miglioramento lo sto vedendo, ma in giro, nei negozi, tra la gente soprattutto con musica alta o cose cosi le crisi arrivano subito con vertigini, debbolezza alle gambe e sensazione di perdere l'equilibrio. Volevo sapere dopo quanti giorni/settimane si inizia a sentire gli effetti dello xanax? O si tratta di una cosa soggettiva??
[#14]
Dr.ssa Franca Esposito Psicologo, Psicoterapeuta 7k 154
Gentile utente,
Noi psicologi non siamo competenti per gestire i farmaci, quindi dovrebbe chiedere al medico che le ha prescritto lo Xanax.
Ci risentiamo quando avra' iniziato la psicoterapia, se vuole.
Cordialmente

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio