Utente 399XXX
Gentilissimi Dottori,

dopo aver letto il rapporto della U.S. Preventive Services Task Force (USPSTF) che si dichiara contro lo screening con il PSA, sono un po' confuso.

“The reduction in prostate cancer deaths from prostate-specific antigen (PSA) screening is at most very small. A large U.S. study showed no benefit from screening. A large European study that found the highest reported benefit suggests:
• 1 man in 1,000 – at most – avoids death from prostate cancer because of screening
Most prostate cancers found by PSA screening are slow growing, not life threatening, and will not cause a man any harm during his lifetime. However, there is currently no way to determine which cancers are likely to threaten a man’s health and which will not. As a result, almost all men with PSA-detected prostate cancer opt to receive treatment. In addition to the frequent complications of biopsy that lead to a cancer diagnosis, there can be serious harms from treatment of screen-detected prostate cancer.”

Quelllo che non capisco è che afferma che non c’è modo di determinare se un tumore è aggressivo o no, e perciò di solito si sceglie di intervenire.
Ma non c’è il Gleason score a determinarne con ragionevole certezza l’aggressività ?
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Izzo

28% attività
8% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
MASSA LUBRENSE (NA)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
Caro utente,
il discorso è estremamente complesso e vi si dedicano congressi interi senza arrivare ad un univoca conclusione.
La terapia da consigliare al paziente non è legata solo all'aggressività della patologia ma anche ad altri fattori come la volontà del paziente, l'età, il valore del PSA,le comorbilità, il grado di estensione della patologia, il numero di prelievi positivi, etc etc.
Inoltre il Gleason score bioptico non sempre corrisponde a quello patologico (istologico sul pezzo definitivo) per motivi estremamente complessi da spiegare via web e, pertanto, è molto difficile predire con esattezza l'aggressività biologica di una neoplasia prostatica.
Cordialità
Dr. Alessandro Izzo
www.studiomedicoizzo.it
dott.alessandro.izzo@gmail.com