Utente 260XXX
Buongiorno,

Volevo chiedere un cortese parere su una diagnosi che ho ricevuto in inghilterra.

Qualche settimana fa sono andato da un urologo perche’ durante i rapporti sessuali ormai ad anni il testicolo destro mi sale e poi rimane dolente per due/tre settimane. Volevo quindi un controllo che fosse tutto in ordine. Alla visita il testicolo non presenta problemi ed il medico mi ha controllato anche la prostata che ha trovato bene e di piccolo dimensioni.

L’urologo mi ha comunque prescitto esame urine, ecografia testicolare, renale, urinoflussometria con valutazione del residuo post minzionale tramite ecografia.

Questi i risultati dell'eco: reni nella norma, vescica nella norma (risulta distesa con bordi leggermente ingrossati), prostata piccola con volume tra 8 e 10 mm.

L’urinoflussometria invece ha i seguenti risultati:

Flusso max 10.2 ml/s
Volume espulso 550 ml
Tempo di svuotamento 103 s
Flusso medio 5.3 ml/s
Tempo di raggiungimento del flusso max: 7 s
Residuo post minizonale (all’ecografia): 240 ml

Il grafico dell’urinoflussometria e’ praticamente una linea piatta senza picchi ecc. Faccio notare che terminato l’ecografia post minzionale ho urinato di nuovo espellendo credo 100 ml.

Ho rivisto l’urologo con i seguenti risultati e mi ha fornito due ipotesi. Visto che la prostata e' piccola non lei a causare problemi ma i muscoli intorno ad essa potrebbero essere contratti. Altra ipotesi e che ci sia un’ostruzione che riduce la minizone, forse come risultato di un intervento effettuato nel 2014 per rimuovere delle verruce da HPV che si erano formate anche nel meato uretrale.

Per ora mi ha dato una cura di 30 gg di Tamsulosina 0,4 e chiesto di ripetere l’urinoflussometria tra 30 gg. Se i valori non sono migliorati vogliono procedere ad una cistoscopia per verificare se c’e’ un’ostruzione.

Vi faccio notare che io non e’ che avessi disturbi particolari, se non che negli ultimi mesi ho notato che mi capita spesso di svegliarmi una volta di notte per andare al bagno. Inoltre quando mi metto al letto ho la strana sensazione di dover andare ad urinare (vado ma poi esce solo qualche goccia), sensazione che invece non ho di giorno.

Chiedo un corteseme parere se il percorso che sto facendo in inghilttera e’ nella norma.

Grazie

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Il risultato di questa flussometria può essere condizionato da un volume di urina eccessivo (550 cc + ristagno di 10 cc). Inoltre, le chiediamo se durante l'esame le pare di aver urinato in modo abituale o meno. D'ogni modo, prima di esprimere un giudizio definitivo sull'opportunità di ulteriorei accertamenti, dal nostro punto di vista la flussometria sarebbe da ripetere non lasciando riempire troppo la vescica, ovvero con un volume vuotato tra i 200 ed i 300 cc.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 260XXX

Grazie per la risposta dott Piana.

Durante l’esame ho urinato per oltre un minuto quando normalmente urino in circa 15/20 secondi. Nelle due ore precedenti l’esame avevo bevuto circa un litro d’acqua che invece normalmente bevo in 6/7 ore e sentivo la vescica veramente piena.

Questo residuo di 240 ml ed un flusso medio cosi' basso e’ perche’ ho forse riempito troppo la vescica? Dovrei bere meno prima di ripetere il test dice?

Grazie

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Aveva evidentemente la vescica troppo piena, il risultato di questa flussometria non è pertanto attendibile. L'indagine è da ripetere bevendo non più di mezzo litro 30-45 minuti prima dell'esame.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 260XXX

Ok grazie, ripetero' il test qua in inghilterra.

Le posso chiedere anche una cosa che ho notato da un po' di tempo? Durante l'erezione l'area intorno al meato/apertura diventa rossa (non dolente). A "riposo"
invece torna quasi dello stesso colore del glande.

A cosa puo' essere dovuta la cosa?

[#5]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Può essere il segno indiretto di una modesta infiammazione delle basse vie urinarie.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 260XXX

ok grazie ancora. Posso fare qualcosa per vedere di cosa si tratta? Non e' che mi fidi moltissimo della sanita' inglese quindi magari posso chiedere qualche test/cura per capire i motivi di questo rossore nell'area del meato.

Grazie

[#7]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Per ora segua le indicazioni che le sono state impartite.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 260XXX

ok grazie ancora