Uretra e pene

Buongiorno ieri notte ero nudo e stavo sistemando un tappeto.
La punta del pene si è poggiata su di esso.
Mi sono accorto di avere su una mano degli insettini minuscoli grandi come puntini, sotto al millimetro, che camminavano pianissimo.
Mai visti e mi sono accorto di averli anche sul glande.
Mi sono pulito ma era tardissimo e non mi scappava nemmeno la pipì.
Perciò sono andato a letto.
Stamattina mi viene un brutto dubbio.
Ma quegli insetti minuscoli come puntini di briciole di pane ma anche più piccoli potrebbero essermi entrati nel pene?
Cosa devo fare e cosa succederebbe?

Cordialità
[#1]
Dr. Paolo Piana Urologo 27k 1,3k 15
Se non impossibile, la considereremmo una possibilità molto remota, anche per la durata dell'sposizione. Se non avverte particolari disturbi, cosa che non pare, le diremmo di stare tranquillo e lavorare con una migliore illuminazione la prossima volta!

Dr. Paolo Piana
Responsabile Trattamento Calcolosi Urinaria A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.paolopianaurologo.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentile dottore, grazie. Ho aspettato vari giorni a scrivere per monitorare l'andamento. In realtà purtroppo l'esposizione non è stata affatto breve ma ho evitato di scriverlo perché immagino che avrete altro da fare che leggere i nostri consulti. Meglio non farli lunghi. C'è qualche esame che potrei fare? Credo strumentale perché una visita semplice non basterebbe. Avevo il glande pieno e li avevo anche vicino al buchino (che dovrebbe essere l'uretra ma mi corregga se sbaglio) e sul frenulo. Ho trovato di nuovo questi minuscoli esseri anche in dei libri che non aprivo da tempo. Non so cosa diavolo siano. Mi sto documentando ma non ne vengo a capo. Le dimensioni sono abbondantemente sotto al millimetro.
[#3]
Dr. Paolo Piana Urologo 27k 1,3k 15
Probabilmente acari. Non è affatto detto che siano (stati) veramente in grado di far danni. Non vi è ovviamente alcun accertamento specifico da consigliare, quantomeno a distanza. Solo per sua tranquillità diremmo che sia opportuno sottoporsi alla visita diretta di un nostro Collega specialista in urologia.

Dr. Paolo Piana
Responsabile Trattamento Calcolosi Urinaria A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.paolopianaurologo.it

[#4]
dopo
Utente
Utente
Ok grazie
[#5]
dopo
Utente
Utente
Gentili dottori avrei un dubbio. Nel mese di aprile ho fatto un'ecografia scrotale con ecocolordoppler. Tutto andava bene. Ieri ho fatto una visita da un altro urologo il quale non mi ha fatto nessun accertamento diagnostico e con la visita mi ha detto che ho un varicocele di secondo grado. Mi consiglia di fare Doppler scrotale. Devo farlo ancora? Entrambi gli urologi erano professionisti di esperienza
[#6]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno.
un paio di mesi fa ho effettuato una visita andrologica con eco e ecocolor e parlando ho chiesto casualmente un'info sulla torsione testicolare e mi è stato detto che per la mia conformazione non dovrei avere questi problemi.
È capitato questa notte che mi sono svegliato con dolore al testicolo e l'ho trovato fuori sede, ruotato orizzontalmente che puntava verso l'infuori e ritenuto verso l'alto.
Ho provato la detorsione in modo delicato ma continuavo a girare la pelle e non il testicolo.
Allora mi sono fatto prendere dal panico e ho girato con forza facendogli fare anche "il giro della morte" cioè invertendo l'apice con la base e l'ho girato in tutte le direzioni.
Ad istinto.
Finche ho trovato sollievo.
In tutte le varie manovre non è stato troppo complicato portarlo da orizzontale a verticale ma continuava a puntare verso l'esterno dello scroto cioè non stava perpendicolare al pavimento ma sbucava fuori una punta.
Adesso dopo ore di manipolazione notturna sembra nella norma.
Sento però una sorta di indolenzimento mentre prima il dolore era un dolore proveniente dall'interno ma simile ad un calcio.
Domanda 1 Che cosa e che esami mi consigliereste di fare?
E poi per chiarire una volta per tutte.
Domanda 2 La torsione pericolosa è quella come se fosse un avvolgimento in direzione coscia (o altro testicolo) oppure è pericoloso anche scambiare l'apice del testicolo con la base?
Cioè farlo ruotare sottosopra.
Per tante ore credo di averlo avuto così ho girato sui vari piani in tutte le direzioni e non ne venivo a capo.
Domanda 3 nello scroto è come se ci fosse un cordone (contente vasi nervi ecc) che sospende il testicolo o ce ne sono vari?
Perché se ce ne fosse uno l'unica torsione pericolosa sarebbe l'avvitamento lungo questo asse ma se ci fosse una struttura come un'impalcatura allora anche ruotando sottosopra sarebbe pericoloso.
Scusate la lunghezza ma sono ancora un po' agitato.
In realtà volevo andare all'ospedale me chiamando non mi hanno passato nessuno e mi hanno detto di venire oggi pomeriggio perché non c'era lo specialista
[#7]
Dr. Paolo Piana Urologo 27k 1,3k 15
La torsione completa del funicolo è la complicazione più seria (e relativamente rara) di una assai più comune condizione costituzionale predisponente che è l’eccessiva libertà di movimento del testicolo all’interno dello scroto. Il testicolo deve avere di natura una certa libertà di movimento, che è parzialmente frenata dalla presenza del funicolo spematico in alto e da una incostante aderenza al polo inferiore detta gubernàculum testis . Quando queste strutture sono in modo congenito eccessivamente lente e compiacenti, il testicolo può avere una libertà di movimento eccessiva ( condizione definita come testicolo ipermobile , testicolo in ascensore , ecc.). È quindi possibile che in alcune condizioni il testicolo assuma una posizione viziata (di sub-torsione) per qualche tempo ed essendo una struttura anatomica molto sensibile, questo può causare la comparsa di dolore più o meno intenso e persistente. Questo quadro è abbastanza comune nell’infanzia e nell’adolescenza, ma tende gradualmente a ridursi entro la seconda decade di vita. Come abbiamo esordito, la condizione evolve in torsione completa sull’asse verticale fortunatamente in un numero molto limitato di casi, che, definiti come scroto acuto costituiscono comunque una delle poche vere urgenze chirurgiche in urologia.
Questa lunga prefazione è necessaria a comprendere il suo caso: cosa le sia realmente accaduto noi ovviamente non possiamo affermarlo, ma solo ipotizzare che possa essersi trattato di una lieve sub-torsione. Non vi sono accertamenti in grado di definire l’eccessiva mobilità del testicolo, che può unicamente essere apprezzata dallo specialista ad una attenta visita diretta. La stessa manipolazione esterna intensa, effettuata a qualsiasi scopo, è comunque in grado di contribuire a causare indolenzimento del testicolo, per questo motivo si sconsiglia di indulgere troppo nella auto-palpazione. Quando la mobilità testicolare eccessiva è molto evidente e il soggetto ha lamentato ripetuti episodi di dolore ad essa riconducibili, vi possono essere indicazioni ad un piccolo intervento di fissazione chirurgica, detta orchiopessi. Tutto sommato, questo accade abbastanza di rado.

Dr. Paolo Piana
Responsabile Trattamento Calcolosi Urinaria A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.paolopianaurologo.it

[#8]
dopo
Utente
Utente
Grazie. Chiarissimo per tutti le spiegazioni che mi ha gentilmente dato. Solo un'ultima domanda: quindi non è pericolosa una torsione (o inversione) in senso verticale? CIOè non so se mi spiego bene ma ammettiamo che il testicolo abbia una testa e un sedere (mi perdoni il linguaggio) non è pericoloso invertire con dei giri la testa col sedere. Io me l'ero trovato così ma non l'avevo capito subito. Non ero riuscito ad intuirlo anche perché non andavo certo a pensare ad una cosa del genere e quindi ho ruotato ovunque finche ho azzeccato il movimento. Infine una seconda domanda, forse troppo teorica ma spero me l'accetti in via eccezionale in modo un po' speculativo. Se faccio invece un doppio giro testa/sedere il testicolo tende a rimanere bloccato così e non torna indietro trainato nella posizione originale. Anche questa rientra fra le torsioni pericolose? Perché da quello che mi ha detto se io ho capito bene intendeva solo le rotazioni in orizzontale. Mi perdoni per l'ignoranza e le stupidità delle domande. Spero in una sua competente risposta e levo le tende. Grazie
[#9]
Dr. Paolo Piana Urologo 27k 1,3k 15
Il testicolo può al limite assumere una posizione simil-orizzontale, ma non può capovolgersi, perché con il funicolo spermatico non si può fare più di tanto il tiro alla fune! Cosa lei abbia percepito sotto le dita noi non possiamo saperlo, ci permettiamo unicamente di avere un po' di esperienza in più nell'anatomia genitale, tutto qui.

Dr. Paolo Piana
Responsabile Trattamento Calcolosi Urinaria A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.paolopianaurologo.it

[#10]
dopo
Utente
Utente
Certamente dottore. Grazie infinite non volevo dare l’impressione di saperne più di voi. Era l’ultima cosa che volevo e se in qualche punto ho dato questa idea chiedo perdono. Devo di nuovo prenotare una visita urologica privatamente perché l’eco è disponibile nel 2023. Il secondo urologo da cui sono stato mi ha detto una cosa che non ho capito e io essendo impreparato ho accettato quanto mi ha detto senza sapere fare la domanda giusta. Il mio dubbio è se un testicolo senza il bisogno di rompersi e dare evidenti segni sotto la cute dello scroto di sanguinamento può avere un’emorragia interna invisibile all’esterno. A me è stato detto che se anche fosse il testicolo colpito (nel mio caso) sarebbe soprattutto uno solo e quindi non avrei problemi neanche nella produzione ormonale. Inoltre mi ha detto che sono possibili riparazioni. Vi risulta che sia così? Perché se fosse così allora non è che i testicoli siano così delicati come molti medici fanno credere. Se ci fosse invece un danno nella produzione ormonale la figura sarebbe sempre quella dell’urologo/andrologo o ci vuole il dottore che si occupa di ormoni? Cordiali saluti dottori e scusate il disturbo
[#11]
Dr. Paolo Piana Urologo 27k 1,3k 15
Per distruggere un testicolo è necessaria una torsione completa inveterata (es. più di 24 ore) oppure un trauma violentissimo. Anche in questi casi la sofferenza maggiore è delle strutture deputate alla produzione e maturazione degli spermatozoi. Le cellule che producono ormoni (di Leydig) sono notoriamente più resistenti

Dr. Paolo Piana
Responsabile Trattamento Calcolosi Urinaria A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.paolopianaurologo.it

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio