x

x

Biopsia prostatica positiva?

Buongiorno,
Gentili dottori ho 52 anni e da un esame casuale del PSA che non scendeva in media 6, 8 sono stato indirizzato ad una visita urologica, con ecografia addominale negativa, poi l'urologo per scrupolo mi manda a fare una risonanza paramagnetica dove viene evidenziata al contrasto una piccola area di 13 mm da approfondire con punteggi 3+3 e l'urologo decide un mese fa di farmi fare la biopsia prostatica che riporto qui sotto il referto.
Premetto che mi anno prelevato 12 campioni e poi mi anno chiamato un mese doto e convocato al CAS, sono andato con mio marito e ci e caduto il mondo addosso.
Sentivamo solo parlare consigliamo prostatectomia radicale, oppure in seconda lìalternativa radioterapia, e il 31 Maggio mi anno fissato anche una Tac con contrasto.
Vogliono che scegliamo una strada entro un mese e non sappiamo cosa fare e gia ci anno parlato di inteervento incontinenza protesi ecc siamo sconvolti e accetteremo volentieri qualche consiglio, possibile che sia l'unica opzione per aspettativa di vita l'intervento radicale della prostata?

Esame istologico:
Lobo Dx
A= Apice B= equatoriale C= basale D= laterale apicale E = laterale equatoriale F= laterale basale
A Frustolo Adenocarcinoma acinare della prostata Grading G6 (3+3) percentuale neoplastica 55%
B Frustolo Adenocaricnoma acinare della prostata Grading G6 (3+3) percentuale neoplastica 35%
C Frustolo Focolaio 2-3 mm di adenocarcinoma acinare della prostata Grading G6 (3+3) percentuale nuoplastica
D Frustolo Adenocarcinoma acinare della prostata Grading G6 (3+3) percentuale neoplastica 45%
E Frustolo Adenocarcinoma acinare della prostata Grading G6 (3+3) percentuale neoplastica 35%
F Frustolo Adenocarcinoma acinare delle prostata Grading G7 (3+4) componente 4 10% percentuale comp neoplastica 85%

Lobo sx
A Adenocarcinoma acinare della prostata Grading G7 (4+3) Aspetti Mucipari parziali percentuale neoplastica 40%
B Adenocarcinoma acinare della prostata Grading G7 (4+3) percentuale neoplastica 45%
C ADenocarcinoma aciunare della prostata Grading G6 (3+3) percentuale neoplastica 35%
D Adenocarcinoma acinare della prostata Grading G7 (4+3) percentuale neoplastica 60%
E Focolaio Diam Max 1mm di adenocarcinoma acinare Grading G7 (4+3)
F Parenchima prostatico

Questo e quanto mi rimetto a voi e ai preziosi eventuali consigli, suggerimenti e risposte alle mie domande che sarete disposti a fornirmi.
Inoltre vi chiedo perche non e che ho capito molto, da questa biopsia e gia tumore conclamato?
Io non mi sento di farmi asportare l'intera prostata a 50 anni non esistono altre strade?
E quanto posso attendere prima di decidere solo un mese?

Vi ringrazio.
[#1]
Dr. Paolo Piana Urologo 30,6k 1,4k 15
La diagnosi diremmo sia inequivocabile, si tratta di un tumore che interssa entrambi i lobi della prostata, ad aggressività bassa e internebdia (Gleason 6 e 7). Alla sua età di 52 anni le indicazioni vertono senz'altro sull'intervento chirurgico di aportazione radicale della prostata, delle vesciole seminali e dei linfonodi circostanti. Questa soluzione è quella che consente il migliore controllo oncologico, in grado di guarire definitivamente buona parte dei casi con queste caratteristiche biologiche. L'intervento viene oggi eseguito quasi in tutti i centri in laparoscopia assistita dal robot operatore, che riduce l'invasività e aumenta di parecchio la precisione della procedura. La radioterapia ha un'efficacia oncologica simile, ma la persistenza anatomica della prostata, anche se momentaneamente - sterilizzata - dal tumore, alla sua età relativamente giovante potrebbe preludere ad una ripresa di malattia anche a distanza di molti o moltissimi anni. Questo impone la prosecuzione di controll più assidui a tempo indeterminato. Così anche per gli effetti collaterali della radioterapia, che possono presentarsi anche dopo molto tempo.

Dr. Paolo Piana
Medico Chirurgo - Specialista in Urologia
Trattamento integrato della Calcolosi Urinaria
www.paolopianaurologo.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno dottore ,statisticamente da un referto bioptico come questo quanto tempo posso prendermi per decidere cosa fare due mesi sarebbero troppi oppure questo tipo di tumore a questo stadio e lento?
[#3]
Dr. Paolo Piana Urologo 30,6k 1,4k 15
Due mesi circa è comunque il tempo minimo di attesa per il ricovero presso una struttura pubblica. Non è ragionevole fare fretta eccessiva, ma senz'altro prima ci si decide e meglio è.

Dr. Paolo Piana
Medico Chirurgo - Specialista in Urologia
Trattamento integrato della Calcolosi Urinaria
www.paolopianaurologo.it

[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie delle informazioni, vorrei porle un ultima domanda,
Ho letto di certe operazioni alla prostata con laser tullio mini
Invasive, ma servono o vengono anche usate nel mio caso per
La prostatectomia radicale oppure ci vuole la chirurgia robotica?
[#5]
Dr. Paolo Piana Urologo 30,6k 1,4k 15
Il laser tullio si utilizza negli interventi endoscopici disostruttivi per ingrossamento prostatico benigno (IPB).

Dr. Paolo Piana
Medico Chirurgo - Specialista in Urologia
Trattamento integrato della Calcolosi Urinaria
www.paolopianaurologo.it

[#6]
dopo
Utente
Utente
Grazie delle risposte. Leggendo su internet mi chiedevo e davvero utile la tac di stadiazione che mi hanno prescritto? Non era meglio eseguire una pet da quello che ho letto molto piu precisa e sensibile? Inoltre non potrebbero instaurarmi una terapia ormonale per cercare di rallentare il processo della malattia in attesa di un inquadramento adeguato e poi per un intervento?
[#7]
Dr. Paolo Piana Urologo 30,6k 1,4k 15
La TAC si esegue praticamente sempre prima di tutti gli interventi addominali maggiori più che altro per avere una precisa visione d'insieme anche degli altri organi. E' certamente vero che la TAC nulla aggiunge alla valutazone della prostata in sé, che è assai meglio definita dalla risonanza magnetica multiparametrica. L'utilità della PET-PSMA pre-intervento è ancora dibattuta, viene effettuata perlopiù solo nel sospetto di una malattia particolarmente avanzata. L'istaurazione di un blocco ormonale androgenico per un tempo così breve non avrebbe alcun reale vantaggio.
Comprendiamo ovviamente la sua apprensione e curiosità, ma per il profano è impossibile valutare criticamente la marea di informazioni oggi disponibili in rete e si rischia di fomentare inutilmente ansie e dubbi. Dunque anche a lei consigliamo di affidarsi ai Colleghi che la seguono e lasciare la medicina ai suoi professionisti.

Dr. Paolo Piana
Medico Chirurgo - Specialista in Urologia
Trattamento integrato della Calcolosi Urinaria
www.paolopianaurologo.it

Soffri di allergia? Partecipa al nostro sondaggio