Utente 387XXX
Salve dottori,
vi scrivo per avere qualche delucidazione in merito al mio problema di pene curvo. Premetto sin da subito che tra un mese farò una visita con un andrologo esperto in questo settore, per cui non cerco diagnosi via web ma solo considerazioni.
Ho 25 anni e un pene curvo verso sinistra di circa 25 più o meno, da me stimato. La curvatura è presente credo da sempre, o per lo meno il primo ricordo che ho di essa è dai 16 anni e finora non mi ha mai portato ad interessarmi a tal punto da fare una visita specialistica, se non adesso che la mia attività sessuale è aumentata.
Sinceramente al momento faccio molto fatica a dare una diagnosi eziologica della mia curvatura e adesso vi spiego il motivo: vicino alla base del pene (direi tra il terzo prossimale ed il terzo medio dell'asta), nel punto in cui inizia la curvatura, ho notato che ci sono dei rigonfiamenti che hanno una forma semicircolare che accompagna la forma dei corpi cavernosi, molto evidente a sinistra (lato della curvatura) e poco evidente a destra, nello stesso punto. Questi rigonfiamenti si notano solamente a pene flaccido e si accentuano moltissimo nella fase di scarico dell'erezione, mentre non sono assolutamente palpabili nel momento dell'erezione.
Ispezionando il mio pene con molta attenzione nell'ultimo periodo ho notato che potrei anche avere un problema di fimosi, infatti ho notato che in erezione, durante la masturbazione, tendo sempre a non scoprire mai il glande perché la cosa mi infastidisce (mi dà un po' di dolore ma soprattutto fastidio perché il prepuzio è abbondante e si accumula molta pelle sotto la corona del glande). mi sono fatto delle foto per vedere l'organo da punti di vista diversi ed ho notato che in erezione sotto il glande, nel momento in cui questo viene esposto, c'è anche un restringimento.
Le erezioni nell'atto della masturbazione non sono mai massimali ma compatibili con il raggiungimento dell'orgasmo, mentre durante i rapporti sono più vigorose, ma tendo quasi sempre ad avere eiaculazioni precoci (non saprei dire se per cause organiche o psicologiche), tanto da dover praticamente sempre avere 2 rapporti nel giro di poco tempo per non lasciare insoddisfatta la mia partner.
Sicuramente una breve descrizione descrizione delle mie problematiche fatta via computer non può sostituire una visita con uno specialista, però se potessi avere dei consigli da parte vostra sarebbero ben accetti.

[#1]  
Dr. Diego Pozza

40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
MANCIANO (GR)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore

le curvature congenite dell'asta sono il risultato di una alterazione congenita delle strutture connettivali dei corpi cavernosi che si sviluppano meno in un corpo cavernoso rispetto all'altro (determinando la curvatura) e non consentono un perfetto blocco del deflusso venoso del sangue dal corpo cavernoso "coinvolto" con difficoltà a conseguire una rigidità massimale ed a mantenerla per il tempo adeguato.
questa erezione no ottimale si complica con la curvatura del pene rendendo la penetrazione più difficoltosa
la corporoplastica correttiva migliora la curvatura ma i problemi erettili persistono
ne parli conil suo andrologo
cordiali saluti
Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org

[#2] dopo  
Utente 387XXX

la ringrazio per la risposta e mi scuso per il tempo intercorso per la mia replica.
Volevo solamente chiedere qualche informazione riguardo ai rigonfiamenti di cui ho accennato prima. A livello obbiettivo, è possibile determinarne la natura o per lo meno avanzare qualche ipotesi o solo un esame di tipo strumentale (ecografia con pene in erezione) può determinare la vera causa di essi?
Sottolineo che le erezioni massimali ci sono, ma molto spesso non le ricerco con l'autoerotismo perché mi dà un po' fastidio. Durante l'atto sessuale queste ci sono.

[#3]  
Dr. Diego Pozza

40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
MANCIANO (GR)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
arom lettore

e impossibile giudicare dei "rigonfiamenti" senza poterli vedere ed osservare di persona
cordiali saluti
Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org