Utente 549XXX
Buongiorno

Ho ritirato da poco l'esito dello spermiogramma di mio compagno, siamo un po preoccupati da quel poco che siamo riusciti a capire! Desideriamo tanto di avere un bambino. Dal resultato dello spermiogramma mio compagno potrebbe avere delle difficoltà?

Quantità: 5ml
Aspetto: avorio opalescente
Ph: 7,7
Liquefazione: regolare
Numero di spermatozo/ml : 92 10
Spermatozoi totali: 460 10
Vitalitá (colorazione vitale con esoina): 80% vivi
Motalitá
Progressivi(pr): 44%
Non profressivi: 10%
Mobilitá totale: 54%
Immobili : 46%

Spermatozoi forme tipiche: <4%. Prevalenti anomalie riscontratte: testa amorfa, acrosoma allargato, ridotto o vacuolizzato.
Cellule germinali immature: rari spermatidi
Leucociti: granulociti (circa 2/campo25 ), alquni macrofagi.
Altro: detriti cellulari in quantità limitata

Anticorpi anti-spermatozoi : negativo

Conclusioni: teratozoospermia e leucospermia.
Lettori CBM
Complilatori CBM

La ringrazio in anticipo della risposta
Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Carlo Maretti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
PARMA (PR)
CHIAVARI (GE)
CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gent.ma utente
dall'esame che ci riporta sembrerebbe esserci un numero di forme normali alquanto basso anche se avrebbero dovuto indicare il numero preciso e non un generico <4, tuttavia è consigliabile confrontarsi con lo specialista andrologo per valutare se esistono patologie in grado di influenzare la fertilità di suo marito.

Un cordiale saluto
Dott. Carlo Maretti
Specializzato in Andrologia
www.andrologia-online.it

[#2] dopo  
Utente 549XXX

Quindi naturalmente é difficile che avenga una gravidanza?

[#3]  
Dr. Carlo Maretti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
PARMA (PR)
CHIAVARI (GE)
CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Si purtroppo con questi valori le probabilità sono sotto al 5% e comunque le ribadisco che la visita potrebbe aiutare a capire le motivazioni e quindi proporle una terapia migliorativa.

Ancora cordialità
Dott. Carlo Maretti
Specializzato in Andrologia
www.andrologia-online.it