Tachicardia, fiato che manca e tanta ansia

Buongiorno, grazie in anticipo per il servizio che offrite
Sono un ragazzo/uomo di 20 anni, a 15 anni ho subito una miocardite che mi ha portato in terapia intensiva per 10 giorni, curata perfettamente e fortunatamente non ha lasciato neanche la cicatrice.
Tutti i medici ai tempi mi avevano rassicurato, ma per un periodo ho sofferto di ansia dovuta a quel problema.
Tutto risolto con la psicoterapia per poi vivere normalmente.

Ho sempre avuto un po’ paura e timore per il mio cuore, proprio perché ai tempi mi dissero che era solo ansia per poi ritrovarmi in ospedale improvvisamente.

Da qualche mese ho sintomi ricorrenti, tachicardia improvvisa, fiato che manca (spesso durante tutto il giorno senza tachicardia), giramenti di testa (certe volte), strane sensazioni al braccio e mano sinistra e subito ho tanta paura possa essere qualcosa.
Ho passato anche una settimana insonne e spesso ho problemi a dormire, o meglio, mi sveglio improvvisamente e fino a quando non mi calmo non riesco a dormire
Ultimamente ho anche problemi a mangiare che subito mi inizia tachicardia
Capita, raramente, che mi svegli nel cuore della notte con tachicardia che supera i 180 battiti al minuto (ho sempre avuto una frequenza cardiaca un po’ più alta, temo per via della mia ansia)
Inoltre noto che a ogni minima cosa oltre la tachicardia inizia anche questo senso di fiato corto terribile, anche sistemando la spesa o facendo una passeggiata
Questa situazione perdura da ormai metà/fine febbraio

A metà marzo ho fatto il controllo dal mio cardiologo di fiducia, ho fatto la visita in pieno attacco di panico, tanto che mi ha dovuto somministrare un ansiolitico prima della visita.
Mi ha fatto un eco e un ecg, entrambi totalmente nella norma, l’ecg registrava una tachicardia sinusale.

Il mio cardiologo mi ha rassicurato dicendomi di non avere nulla e che non può dirmi che ho malattie che non ho.

Nonostante questo io sono preoccupato, perché non riesco a stare meglio
Sto seguendo una terapia con uno psicologo ma gli effetti non sono un granché, sto vivendo a metà e alla mia età non è propriamente bello, ho paura praticamente di fare tutto, anche di uscire di casa perché so che mi inizierà la tachicardia ancora più forte.
[#1]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 72,4k 2,7k 2
"con tachicardia che supera i 180 battiti al minuto"

Programmi un Holter

Arrivederci

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2]
dopo
Utente
Utente
Dottore appena ho letto il messaggio mi è salita l'ansia e la tachicardia a mille.
180 ovviamente li dico cosi, non li ho effettivamente misurati, al pronto soccorso una volta in piena crisi e tachicardia avevo un massimo di 150
C'è davvero bisogno di fare un holter? Ho davvero paura
[#3]
dopo
Utente
Utente
ma comuqnue ho spesso tachicardia, anche adesso che le scrivo, mentre altri giorni in cui il battito è normalissimo (il mio smart watch raggiunge massimo i 110 nelle giornate normali, dove magari ho delle riunioni)
solo che ultimamente non esco neanche più di casa per paura, non so che mi prende
[#4]
dopo
Utente
Utente
Dottori aggiungo che spesso mi metto la mano sul petto per ascoltare il mio battito cardiaco
E la sera sembra normalissimo, lento e regolare, ma ci sono momenti in cui sembra si contragga male o non so bene come spiegare
Mi mette parecchia ansia, non so bene che fare, spero in una vostra risposta
Oggi sono andato dal mio medico di base che mi ha prescritto una visita da uno psichiatra, perché ascoltandomi il polso mi ha detto che io ho semplicemente una tachicardia dovuta da stati emotivi
[#5]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 72,4k 2,7k 2
Le ripeto di programmare un Holter così si tranquillizza

Una terapia ansiolitica le farebbe bene

Arrivederci

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#6]
dopo
Utente
Utente
Ma c'è davvero bisogno di farlo? Il cardiologo non l'ha nemmeno mai menzionato
Pensa che io possa avere qualche forma di aritmia?
Spesso ho il battito normale ultimamente, ma sento come una sorta di fastidio sotto le costole a sinistra, come uno sfarfallio, ma il battito se lo sento con la mano sul petto è lento e regolare
Io non so più che pensare
[#7]
dopo
Utente
Utente
Dottor cecchini ho prenotato per mercoledì un Holter 24 (purtroppo prima non si poteva) così le manderò il referto una volta fatto
Volevo velocemente aggiornarla sui miei sintomi, non ho più fortissima tachicardia, praticamente mai e i battiti sono sempre intorno ai 70/80 durante la giornata, per poi abbassarsi sui 55/60 quando sono nel letto la sera(anche meno)
Solo che se metto la mano sul petto per ascoltare i battiti a volte vanno più veloci altre volte più lenti, non so se si alternano per il mio respiro, e altre volte sento battiti proprio strani, come se non fossero regolari ma come se ne facesse uno in più o comunque in maniera strana non so spiegarlo. E la cosa mi mette davvero ansia infatti sono sempre con la mano sul petto ad ascoltare i battiti
Pensa sia motivo di preoccupazione? Purtroppo sono molto ipocondriaco per il cuore, cosa che non avevo più da un anno ma da febbraio si è ripresentata questa sorta di ansia.
Spero mi risponderà perché ho una grande stima di lei e mi fido delle sue parole
[#8]
dopo
Utente
Utente
Dottore domani farò l’esame, ma potrebbe essere fibrillazione atriale?
Spero davvero di no
[#9]
dopo
Utente
Utente
Dottor cecchini dove posso mandarle l'esito dell'holter?

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio