Utente 111XXX
Buongiorno,
mercoledi scorso (12/09) ho eseguito una gastroscopia per un problema di reflusso che mi affliggeva da diverso tempo. L'esito è stato ernia iatale di 2cm e leggero residuo di bile nello stomaco.
Scrivo per questo motivo, da sempre ma soprattutto da quando ho tolto la colecisti 6 anni fa, se tengo lo stomaco vuoto per troppe ore, inizio ad avere dei forti dolori, la sensazione è quella che si prova un attimo prima che lo stomaco brontoli, come vi fosse una sorta di spinta dall'interno, ma il borbottio non si verifica, invece appare il dolore.
il dolore smette, quando ricomincio a mangiare o bere qualcosa di tiepido e riappare il borbottio e tutto va a posto, in genere questo fastidio dura 24/48 ore prima di sparire del tutto.
prima di effettuare la gastroscopia ovviamente sono rimasta a digiuno dalla sera prima, senza bere e mangiare a colazione, da dopo l'esame il dolore di cui sopra è costante, si amplifica a stomaco vuoto, si attenua dopo colazione pranzo merenda o cena, sempre dopo un leggero picco appena scendono gli alimenti, ma sopratutto mi sveglio tutte le notti tra le 4 e le 5 del mattino con questo dolore, se non mi alzo a bere acqua tiepida e miele diventa sempre più forte, e quando questo dolore cala rimane una fitta dove prima c'era la colecisti.
per il reflusso sto assumendo pantoprazolo 20mg al mattino e alla sera invece una bustina di Riopan.
cosa posso fare? perchè ho questo dolore continuo che mi tormenta?
un altra soluzione che utilizzo è mettere una borsa dell'acqua calda sullo stomaco, se sono nella fase digestiva così sento il famoso "borbottio" e non il dolore.
grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Può provare con l'acido ursodessossicolico (sotto controllo medico).
Potrebbe essere un reflusso biliare.
Cordialmente.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia