Rapporto non protetto?

Buona sera dottore, sono una donna di 46 anni e per 4/5 anni ho sempre assunto in modo perfetto la pillola Minulet, dopo l'ultimo controllo la mia ginecologa mi ha trovata un po' gonfia (peso 71 kg e sono alta 1 metro e 68) mi ha prescritto la pillola yasminelle con estrogeni più bassi e un progestinico diverso.
Mi ha detto di fare la consueta pausa di 7 gg e l' ottavo cominciare la nuova assicurandomi di essere protetta da gravidanza nonostante fosse più leggera.
Ora il giorno 30 giugno ho avuto il ciclo da sospensione ed il 29 giugno un rapporto non protetto.
Venerdì 2 luglio ho avuto episodi di diarrea ed anche sabato mattina 3 luglio.
La sera del sabato 3 luglio ho cominciato la nuova pillola come d'accordo con la ginecologa, la diarrea si è protratta per quasi una settimana ma sempre oltre 8 ore dall'assunzione serale della pillola.
Il giorno 9 luglio il mio medico curante mi ha prescritto una cura di fermenti e rifacol per circa 6gg in quanto con le feci usciva tantissimo sangue.
A tutt'oggi non ho avuto rapporti, l'ultimo è quello del 29 giugno, perché in caso di disturbi intestinali e in caso di antibiotici io pratico castità rigorosa.
Oggi pomeriggio 16 luglio in seguito a crampi, pulendomi dopo aver urinato noto un leggero spotting marrone scuro.
Ora sono nel panico più totale, possono essere perdite da impianto o magari la pillola più bassa mi provoca spotting, oppure l'uso del rifacol ha provocato spotting?
Ho il terrore che il rapporto del 29 giugno possa non essere stato protetto...ma io non potevo sapere che da lì a qualche giorno si sarebbe scatenato l'inferno nel mio intestino! Ho l'immensa paura che mi si possa essere riattivata l'ovulazione e che il liquido seminale del 29 giugno abbia trovato terreno fertile nonostante ciclo e pillola.
La ringrazio per la sua attenzione e le chiedo scusa per l'essere stata così prolissa.
Non vedo l'ora di entrare in menopausa per poter vivere la sessualità in modo un po'più sereno.
[#1]
Dr. Nicola Blasi Ginecologo 40,2k 1,2k 246
Secondo il mio parere non deve preoccuparsi , lo spotting è sicuramente legato al passaggio ad una pillola a più basso dosaggio estrogenico e quindi si tratta di un adeguamento ad un clima ormonale diverso.
Per estrema cautela , pur continuando l’assunzione, eseguirà un test di gravidanza (eccesso di zelo).
Saluti

dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio molto dottore.
[#3]
dopo
Utente
Utente
Mi perdoni, mi sorge un dubbio... l'eventuale test dovrei farlo sempre dopo un ritardo del ciclo? E a 46 anni la mia riserva ovarica non dovrebbe essere esaurita?!

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test