Utente 224XXX
Salve, sono un ragazzo di 26 anni alto 1,79m per 76 kg. Da circa 1 anno soffro di GERD(ho effettuato anche una gastroscopia che non ha evidenziato nessuna lesione o altro genere di problema, se non, a detta del gastroenterologo, che è qualcosa di natura psicosoomatica), e che dormo con la testiera del letto rialzata di 10-15 cm rispetto alla posizione canonica.
Ho un problema da circa 6 giorni. Un mal di testa strano: dolore che parte dalla nuca, collo, trapezi fino a sopra gli occhi con conseguente pesantezza e giramenti. A questo si associa spesso un movimento involontario della palpebra destra, una sensazione di bruciore nella parte alta destra(in zona diciamo cosi delle fontanelle però più spostato a destra) nonchè mi fischiano le orecchie(non sempre) e qualche volta si tappa solo quella destra.
Questi fastidi iniziano già da appena sveglio, con rigidità,giramenti,naso sempre chiuso e sofferenza alla luce e durano per tutto il giorno.
A questa situazione mattutina sono piuttosto abituato poichè da circa 5/6 anni ne soffro ma si era sempre risolto nel giro di qualche ora.
Circa un anno fa(luglio 2011) ho subito l'estrazione di un molare(arcata superiore destra) in seguito ad una frattura(dente curato e devitalizzato diverse volte).
Ho eseguito diverse visite tra cui:
2009: rx rachide cervicale(rettilineizzazione della fisiologica lordosi con tendenza all'inversione)
DICEMBRE 2011: visita oculistica(tutto abbastanza nella norma, specificando che sono miope ad entrambi gli occhi di 0,75 e astigmatico da uno(il destro) di 0,25 e che l'oculista ha trovato i miei occhi piuttosto secchi per cui mi ha prescritto 1 collirio)
FEBBRAIO 2011: rx seni paranasali(nella norma, con modesta ipertrofia dei turbinati).
Ho effettuato rx dei seni paranasali dopo un altro episodio "duraturo"(4-5 giorni) di mal di testa(stessi sintomi di questo ma senza giramenti), su consiglio del medico di base che sospettava una possibile sinusite(smentita tuttavia). Il medico in seguito alla rx mi ha prescritto uno spray antistaminico per la rinite allergica(i cui effetti non sono stati molto soddisfacenti).
MARZO 2011: visita ORL(tutto nella norma, ha solo confermato la modesta ipertrofia dei turbinati, prescrivendomi il tonimer spray).
Sono passati poco più di 2 mesi dall'ultimo mal di testa duraturo(nel senso che durano più di un giorno e comunque non si limitano alla sola rigidità mattutina o al naso chiuso di tutti i giorni) e,sono di nuovo "interessato" da questi mal di testa.
Ultimamente ho anche notato una sensazione di formicolio alle mani e ai piedi(da circa una settimana) nonchè una cosa involontaria, ovvero il digrignare i denti(senza che me ne accorga) durante il giorno.
Passo molto tempo seduto(8/9 ore al pc) e che per fortuna sto bene quando dormo ma questi mal di testa si presentano non appena sveglio.Può dipendere da un sonno non ristoratore?(mi sveglio già stanco).Spero possiate aiutarmi per scongiurare malattie più importanti. Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

con tutti i limiti del consulto on line, un'ipotesi possibile è quella della cefalea di tipo tensivo con contrattura dei muscoli cervicali. Tale sintomatologia potrebbe essere accentuata o provocata da bruxismo (digrignare i denti) che Lei consapevolmente avverte di giorno ma che è possibile sia presente anche la notte, durante il sonno (questo potrebbe spiegare la sintomatologia al risveglio).
Pertanto effettui una visita neurologica e una visita presso un odontoiatra esperto in bruxismo (in genere lo gnatologo).

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 224XXX

La ringrazio per la cortese risposta. Le chiedo, dopo la sua risposta, se sia possibile che la cefalea di tipo tensivo sia cosi duratura(+ di 5/6 giorni) e se oltre al bruxismo il tutto possa dipendere anche dalla postura(molte ore davanti al pc). La rx cervicale(rettilineizzazione della fisiologica lordosi con tendenza all'inversione) potrebbe in qualche modo spiegare il perchè della rigidità mattutina(oltre al possibile bruxismo)?
Ancora una volta la ringrazio per la risposta, che sinceramente mi tranquillizza in quanto sà si pensa sempre a qualcosa di molto peggio.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile utente,

una cefalea di tipo tensivo potrebbe anche essere quotidiana, pertanto i 5-6 giorni ci stanno tutti. Le ricordo però che questa è solo un'ipotesi.
Altra causa potrebbe essere anche la postura prolungata davanti al pc.
La rettilineizzazione della lordosi cervicale è determinata da contrattura muscolare, che giustificherebbe la rigidità cervicale.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 224XXX

Grazie della cortese risposta e per le rassicurazioni. Parlerò con il mio medico curante per effettuale le visite che lei mi ha suggerito, e nel caso lei voglia, la terrò informata. Un'ultima cosa, la testiera del letto rialzata di 15 cm può in qualche modo influire?

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la testiera del letto rialzata potrebbe non accompagnare una posizione fisiologica della testa e quindi della colonna cervicale.
Certamente, se vorrà, potrà tenermi informato.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 224XXX

Lei mi consiglia pertanto di riportarla alla posizione canonica? Visto che ormai, i problemi del reflusso gastroesofageo sono pressochè risolti. Grazie ancora una volta della cortesia. Cordiali saluti.

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

deve valutare insieme al Suo medico curante il rapporto rischio-beneficio.
Comunque non è certa l'origine posturale del Suo problema, è solo un'ipotesi.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 224XXX

Salve Dr. Ferraloro, riprendo questa discussione per non iniziarne un'altra e per permetterle di avere già un'idea.

Le scrivo per chiederle delle informazioni. Durante una partita di basket, mi sono procurato un trauma cranico non commotivo(testa contro testa). Mi sono recato in pronto soccorso in quanto dopo qualche ora dall'accaduto avevo giramenti di testa e nausea.
Le riporto il referto del Pronto Soccorso:
"DATI CLINICI:
non anisocoria, romberg neg, mingazzini neg, rot normoevocabili, assenza NY, rachide cervicale non dolente, trigger point muscolari laterocervicali dolenti. lieve edema frontale dx non ecchimosi.
TERAPIE:
perfalgan 1gr 1fl, levobren 12,5 mg 1fl in SF100ml, muscoril 1fl im.
CONSULENZE: rx rachide cervicale, visita neurologica, visita ortopedica.
DIAGNOSI DIMISSIONE: trauma cranico non commotivo. cervicalgia da contraccolpo.

La mattina seguente ho effettuato le consulenze che mi avevano prescritto.

RX RACHIDE CERVICALE: rettilineizzazione del rachide. Non alterazioni ossee strutturali di natura traumatica a carico dei metameri vertebrali.

REFERTO VISITA NEUROLOGICA(premetto che non si capisce molto cosa ci sia scritto,quindi alcune cose non le riporto perchè non riesco a capire la scrittura, ahimè): E ON: non segni locali; non rif...; px ......; ......, collaborante. Mi scuso per non essere riuscito a trascrivere, ma veramente non capisco la scrittura. Comunque la dottoressa che mi ha visitato, mi ha detto che per lei non ci sono problemi a livello neurologico.

REFERTO VISITA ORTOPEDICA: contrattura retroscapolare sx e paravertebrale tratto cervico/dorsale.
Si consiglia il ciclo di ultrasuoni + Fht(??) e/o trattamento osteopatico.
Expose cpr. 1cpr x 2 al giorno per 10 giorni.

Quello che mi chiedo è, oltre a capirci qualcosa da questi referti, se sia necessario continuare ad assumere questo miorilassante(sono passati 8 giorni dal trauma), perchè ho notato che mi causa pesantezza di stomaco(già soffro di reflusso gastroesofageo).
E' normale che dopo una settimana continui ad avere ancora dolore nella zona del collo?(purtroppo passo 8/10 ore davanti al pc e sicuramente non mi aiuta).
Da diverso tempo ho delle fascicolazioni(se cosi si possono chiamare) nella parte sinistra della testa, ma la dottoressa non le ritiene preoccupanti.
Quando posso tornare a fare attività sportiva(nello specifico basket)?

Mi scuso di essere stato cosi prolisso e la ringrazio per la disponibilità.
Cordiali saluti.

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

per sospendere il decontratturante è necessario valutare lo stato della contarttura muscolare, pertanto deve rivolgersi al Suo medico curante.
Avere dolorabilità nella zona del collo dopo una settimana è normale, potrebbe persistere ancora.
Per ritornare a praticare attività sportiva deve attendere la remissione della sintomatologia dolorosa, almeno per il basket.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente 224XXX

La ringrazio per la cortese risposta.
Nel frattempo ho preso appuntamento con l'osteopata. Se vuole la terrò informato.
Per quanto riguarda i vari referti,invece, non c'è nulla di cui preoccuparsi?

Grazie ancora,
Cordiali saluti.

[#11] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Assulutamente nulla di preoccupante, stia tranquillo.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente 224XXX

Gentile dottor Ferraloro, riprendo questa discussione per informarla che ho effettuato delle sedute dall'osteopata. La situazione è molto migliorata.
Tuttavia, da lunedi mattina(al risveglio) ho un dolore al collo(zona trapezi,scaleni) che limitano di molto il movimento sia rotatorio, che di flessione all'indietro. Quando cerco di muoverlo, mi "tirano" i muscoli.
Pensavo si trattasse di un "banale" torcicollo(abituato a dormire con la finestra aperta), ma sono passati ormai sei giorni e non ho visto un grande miglioramento.
Sono in attesa di tornare dall'osteopata(che è anche fisioterapista).
Per completezza, la informo che con il calore(getto d'acqua calda o semplicemente una borsa dell'acqua calda) questa "tensione" tende a diminuire, anche se solo per qualche ora. Sto bene, invece, quando sono allungato a letto.
E' sufficiente una visita dall'osteopata o dovrei rivolgermi a qualche altro specialista?
Di norma(se si tratta di torcicollo) quanto tempo impiega prima di tornare ad una situazione normale?
Aggiungo anche che non ho assunto nessun farmaco, nè gel antinfiammatori.
Spero possa essermi d'aiuto.
La ringrazio per la cortesia.
Cordiali saluti.

[#13] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

da ciò che scrive si potrebbe ipotizzare una contrattura muscolare ma per un'eventuale conferma Le consiglio di farsi controllare dal Suo medico curante.
Se fosse confermata questa ipotesi il medico Le consiglierà il trattamento più adeguato.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro