Utente 217XXX
Salve, chiedo un consulto perché vivendo in Inghilterra i tempi di attesa per le visite mediche sono abbastanza lunghi.
In seguito a un episodio di orticaria, poi seguito da ulteriori pomfi sporadici più un episodio di leggero rash, ho svolto delle analisi del sangue che hanno evidenziato un'allergia agli acari.
Circa qualche giorno dopo il prelievo mi sono svegliato con una sensazione di tensione elettrica nel mignolo e nell'anulare destro che è passata dopo un paio d'ore quando ho iniziato a lavorare. Non ho avvertito più nulla fino a tarda sera, quando stando a letto ho cominciato ad avvertire una moderata sensazione di punture di spillo nel medesimo braccio.
Mi sono addormentato e al risveglio non avvertivo niente, non dovendo lavorare mi sono riaddormentato ma al risveglio la sensazione è tornata, accompagnandomi tutto il giorno tranne che per un paio d'ore all'orario del pranzo.
Sono entrato molto in ansia perché ho ricollegato questo sintomo al fatto che da circa 6 anni quasi sempre avverto un malessere dopo circa 2-3 km di camminata,ovvero al momento di fermarmi accuso una sensazione di calo di pressione (non tanto stanchezza delle membra).
Ho sempre ricondotto il tutto al fatto che non sono una persona molto propensa al movimento.
Da ieri non avvero più la sensazione descritta al braccio destro ma una sensazione di padiglione dell'orecchio sinistro come intorpidito, tale sensazione si allarga anche al lato del naso e sento l'orecchio sinistro come un po' irritato anche se ci vedo bene. Ieri sono stato all'aperto ma il clima era tiepido e non tirava vento.
Sono in un periodo di forte stress ma non riesco a non preoccuparmi, purtroppo per motivi di lavoro non mi conviene andare dal medico in questi giorni, ma volevo sapere a cosa possono essere adducibili i sintomi descritti.
In inghilterra i medici specialisti privati sono molto costosi mentre quelli pubblici seppur bravi ricevono a distanza di un mese se va bene, previa indicazione del medico di base.

[#1] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Buongiorno a Lei,

Mi sembra che Lei illustri solo sintomi soggettivi che potrebbero anche essere stress-correlati ma che tuttavia meritano di essere valutati da un neurologo.
Fosse anche solo ansia somatizzata questa va comunque curata !

Leggo, inoltre, "...da circa 6 anni quasi sempre avverto un malessere dopo circa 2-3 km di camminata,ovvero al momento di fermarmi accuso una sensazione di calo di pressione...";
beh...6 anni senza evoluzione ma episodi ricorrenti...
Piuttosto per il malessere dopo un poco di attività fisica si è fatto visitare da un cardiologo o da un internista?

Le indicazioni che possono essere fornite nel contesto di un consulto a distanza sono queste.

Se il sistema sanitario pubblico inglese è inadempiente come quello italiano le resta o il privato o il privato facendo una breve vacanza sanitaria in Italia.

Cordialmente.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#2] dopo  
Utente 217XXX

Da ieri ho accusato l'evoluzione del sintomo all'orecchio: sento un indolenzimento sulla mascella proprio sotto l'orecchio, leggo che lì c'é la ghiandola parotide. al tatto non sento gonfiore o palline ma un senso appunto di addormentamento/indolenzimento.
Mi sta preoccupando il fatto che l'orticaria a volte precede forme tumorali e non vorrei che questo sintomo ne fosse la manifestazione.
Pensavo che se dovesse durare fino a domani potrei andare al pronto soccorso

[#3] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
"...Pensavo che se dovesse durare fino a domani potrei andare al pronto soccorso...";
alla fine non mi sembra una idea sbagliata...affatto.

Nè il dolore masclello/mandibolare/parotideo nè l'orticaria sono sintomi classici di SM.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#4] dopo  
Utente 217XXX

Grazie della risposta dottore, considerando che le parestesie al braccio sono passate da un giorno mi preoccupava quest'altro sintomo che (ovviamente) afferisco a tutt'altro.
La mia ansia relativa alle malattie mi é ben nota, anche se non vorrei che un'eventuale patologia reale venisse esclusa a priori per la mia ipocondria.

[#5] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
L'ansia per le malattie o meglio la "patofobia" è malattia essa stessa fino a poter divenire invalidante per i risvolti psichici e somatoformi in grado di generare.

Per questo motivo essa va curata adeguatamente. Inoltre ciò consentirebbe di evitare fraindendimenti del tipo "al lupo...al lupo".

Cordialmente.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#6] dopo  
Utente 217XXX

Buonasera dottore, a distanza di un mese quasi tutti i sintomi si sono risolti da soli, sono riuscito a tornare per un po' in Italia dove una laringoscopia ha evidenziato un'infiammazione della laringe dovuta al reflusso, mentre per quanto riguarda le parestesie...beh sono sparite da sole.
Ho svolto eco della loggia parotidea: linfonodi reattivi di piccole dimensioni.
La sensazione di malessere dopo 2-3 km è rimasta, anche se questa non interviene proprio sempre.
Non mi sembra di avere particolari sintomi cardiologici quando mi sento così molle una volta fermatomi (no tachicardia, o sensazione di polso debole), almeno credo. In passato quando mi sentivo così mi è capitato di misurarmi la pressione a casa ed era normale (110-60 circa, di mio sono bradicardico con pressione di questo tipo).
Ho svolto analisi del sangue di routine il mese scorso e i valori erano normali.
Al momento la situazione non rappresenta un'urgenza ma a settembre dovrei tornare in italia, forse sarebbe meglio dare precedenza all'internista?

[#7] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Buone notizie dunque...
...come dice a settembre l'internista.

Cordialmente.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#8] dopo  
Utente 217XXX

Buonasera dottori, in merito alla sensazione di malessere generale dopo circa 2-3 km di camminata devo aggiungere che questa sensazione mi sta intercorrendo proprio adesso, dopo circa 8 ore di lavoro in piedi con poche pause per sedermi. Lavoro in piedi almeno 3 gg a settimana ma non accuso questo sintomo tutt'e le volte.
Alle precedenti informazioni aggiungo che sono bradicardico fin da piccolo (come evidenziato da ecg a riposo) e che ho misurato la pressione sanguigna la scorsa settimana, 71-104.
Potrebbe trattarsi di un ristagno venoso alle gambe? La stanchezza delle gambe é l'unico sintomo chiaro che avverto a parte il malessere quando questo succede. Giustamente a casa mi facevano notare che difficilmente in Italia ci sarà un internista disposto a visitarmi a fine agosto, quindi forse dovrò escogitarmi qualcosa per ottenere delle visite qui. In genere quando si riportano indicazioni mediche precise dal proprio paese d'origine i dismissive medici inglesi tendono a fidarsi di più, come é successo con il mio reflusso, in quel caso ho ricevuto prescrizione di pantoptazolo in un batter d'occhio.
Grazie