Utente 424XXX
Buonasera,
sono una ragazza di 24 anni e da un paio di mesi soffro di mal di testa molto forti e persistenti ogni giorno e per tutto il giorno. Ho utilizzato qualunque tipo di antidolorifico e FANS ma niente mi toglie i dolori, li affievoliscono di poco. Ho fatto, dietro richiesta del medico curante, TAC e RM con mezzo di contrasto e sono risultate entrambe pulite e la mia "testa" sarebbe perfetta.
Ora però ho iniziato anche a vedere male e strano, nel senso che non riesco a mettere bene a fuoco e sento come di stare in una bolla, vedo come se fossi lontana o estranea dalla situazione o persona che mi sta parlando per tutta la giornata e quindi non si tratta di aura come mi voleva convincere il mio medico curante.. spero di essermi spiegata. Ho fatto già una visita oculistica dove è risultato tutto nella norma con gradazione invariata (sono miope e astigmatica). Due giorni fa non potendo più sopportare questa situazione mi sono recata dal neurologo dell'ospedale che mi ha prescritto una cura di due mesi con 5 gocce di Laroxyl e integratori Pineal Tens per curare quella che per lui è una cefalea tensiva con cervicalgia.
Quello che mi chiedo è se questo mio vedere strano, che mi spaventa molto, sia dovuto ai forti mal di testa e con la cura tornerò alla normalità o ad altra causa, magari qualcosa che è sfuggito a TAC e RM. Mi crea molta ansia questa situazione, spero di eliminare questi mal di testa e di tornare a vedere normale.
Vi ringrazio anticipatamente per le vostre risposte.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,
da quanto dice sembrerebbe che Lei stia facendo un uso eccessivo di antalgici, che può essere responsabile della ben nota "cefalea da abuso di antalgici" (al riguardo può dare un'occhiata al mio blog sull'argomento). Pertanto sotto questo profilo la invito a non eccedere, specialmente con i prodotti di banco. Per il segnalato problema visivo, con l'eccezione dei fenomeni collegati all'aura (scotomi, emianopsia, visione annebbiata), la cefalea di tipo tensivo non determina alcun disturbo in tal senso. Ma la descrizione che lei fa del disturbo "vedo come se fossi lontana o estranea dalla situazione o persona che mi sta parlando" non è un disturbo visivo ma appare piuttosto come un vissuto emozionale che non sembra essere conseguenza del mal di testa.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 424XXX

Grazie per la sua risposta. Ora le chiedo se secondo Lei posso continuare con questa terapia o se sarebbe meglio interromperla?
Ammetto che in due giorni ho già qualche miglioramento a livello di dolore

[#3] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Allora vada avanti e ricordi di non abusare di antalgici.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#4] dopo  
Utente 424XXX

Salve dottore, purtroppo mi ritrovo a chiedere di nuovo un suo parere. Dopo un mese di cura con 5 gocce di Laroxyl al giorno mi ritrovo al punto di partenza. Dopo pochi giorni di miglioramenti sono tornata ad accusare forti mal di testa giornalieri, per tutto il giorno. Disperata ormai convivo ogni giorno col mal di testa e sto pensando di seguire il suo consiglio ed eliminare il Laroxyl per vedere se sia un mal di testa dovuto dall'abuso di farmaci antalgici. Oltre ad interrompere la cura cosa altro mi consiglia di fare.
La ringrazio in anticipo.

[#5] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Cara Signorina,
nel rinnovarle il consiglio di non abusare di antalgici, Le faccio presente che l'amitriptilina (Laroxyl) non è un antalgico e può continuare ad assumerlo, anche -su consiglio del Suo Curante- ad un dosaggio superiore.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it