Utente 500XXX
Quando si considera un parkinson "avanzato"?. IA mamma ne soffre da 12 anni e da 7 è in struttura dopo frattura femore e conseguente decadimento cognitivo e mancanza di movimento ora il sintomo che più ci preoccupa è un irrigidimento dei muscoli che quando c'è le impedisce anche di deglutire e in terapia con sinemet 1,5*x tre e seroquel 1 +1.5,.... Cosa dobbiamo aspettarci e visto l'impossibilità a comunicare probabilmente questa rigidità le procura dolori... Che antidolorifici si possono usare? Scusi x la domanda confusa ma sono molto preoccupata Grazie

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

esistono delle scale appositamente studiate per definire l'entità della malattia di Parkinson, ovviamente è compito del neurologo, o meglio del parkinsonologo, definire lo stadio preciso della malattia.
Da quanto scrive, sembrerebbe, con tutti i limiti di un consulto a distanza, uno stadio avanzato.
La malattia di per sé può causare dolori ma la rigidità in quanto tale no. In ogni caso non si possono consigliare farmaci online.
Il neurologo che segue la Mamma può valutare l'eventuale presenza di dolore.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 500XXX

Grazie mille per la risposta

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Buona serata
Dr. Antonio Ferraloro