Utente 457XXX
Buonasera avrei bisogno di un consulto, soffro da quando ho 11 anni (fine prima media) di emicrania aura ereditata da mia mamma inizialmente avevo spesso delle crisi poi sono arrivata fino all'anno scorso che ne avevo circa 5-6 annue che si risolvevamo in 30 minuti con il difmetre farmaco prescritto anni fa che tutt'ora utilizzo. Quest'ultimo anno oltre che aver avuto problemi di attacchi d'ansia ed essere stata in cura con uno psicologo (e al giorno d'oggi mi sento meglio e ne sono ancora in cura) mi è capitato di avere più crisi auree circa una decina se non qualcosa in più, circa 4 si sono concentrate a fine maggio inizi di giugno nel momento in cui è finita la scuola ne avevo una ogni 2-3 giorni, mi dissero che probabilmente era dovuto al fatto che mi stessi rilassando dal termine della scuola difatti l'ultima la ho avuta l'11 di giugno per poi non averne più alcuna fino al 27 di luglio per poi riaverne un'altra mercoledì 29 agosto e una oggi con alcuni mal di testa tra venerdì e sabato passati in circa 30-50 minuti con un antidolorifico.
Date queste numerose crisi uno di questi giorni dovrei andare dalla mia dottoressa per una visita e ulteriori analisi, ora io mi sono molto spaventata per queste continue crisi e ho paura possano venire per un problema grave magari situato al cervello.
Non sono diabetica,non fumo,non bevo se non qualche bicchiere in alcune serate con amici ma molto raramente, non prendo nessun anticoncezionale perché mi era stato detto che avendo estrogeni avrebbe potuto darmi problemi e molte vote ho la pressione bassa ora ho 114-81-73bpm.
Vorrei sapere se qualcuno di voi medici esperti potrebbe darmi un chiarimento.
Buonaserata

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

l’emicrania con aura è una cefalea primaria, cioè senza una causa nota, a volte è possibile individuare dei fattori scatenanti.
Gli attacchi si manifestano in maniera estremamente irregolare, cioè a periodi anche lunghi di assenza di attacchi possono alternarsi periodi a maggior frequenza. In questi ultimi casi è possibile intervenire con una terapia di prevenzione.
È consigliabile però rivolgersi ad un neurologo esperto in cefalee.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 457XXX

Difatti ho trovato che alcuni fattori scatenanti sono alcuni cibi che mi scatenano l’emicrania e sono ormai anni che non li mangio appunto per evitare, e ho notato che anche il periodo in cui mettevo gli occhiali da lettura per far risposare l’occuo Ne avevo spesso es ho quindi smesso.
Domani o dopodomani vado sicuramente a farmi una visitadalla mia dottoressa anche per stare più tranquilla poi se c’è ne sarà bisogno mi rivolgerò assolutamente a un neurologo specializzato come feci anni fa.
La mia paura più grande è quella di avere un tumore al cervello e che fosse quello a provocarmi questi scompensi per quello spero in una risonanza magnetica con contrasto o senza in base a cosa decide il medico esperto

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

stia tranquilla e non si faccia prendere da inutili preoccupazioni.
Non ha mai fatto una RM encefalica?

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 457XXX

Si la ho fatta il 26-7-2012 senza contrasto dove era tutto apposto ed ho fatto anche un elettroencefalogramma il 25-02-2014 e anche li non fuoriusciva nulla

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

se ha fatto la RM encefalica dopo l’inizio degli attacchi emicranici con aura può stare tranquilla.
Evidentemente i periodi di maggiore frequenza fanno parte del decorso naturale di questa condizione.
Ribadisco, in tali periodi, l’indicazione alla terapia di prevenzione, se possibile.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 457XXX

Si ho fatto sia la risonanza che l’elettroencefalo dopo l’inizio dell’aura.
Scusi se le faccio un ultima domanda cosa intende per terapia di prevenzione ?

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
La terapia di prevenzione si fa con farmaci (non antidolorifici) al fine di prevenire gli attacchi o di ridurli come frequenza.
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 457XXX

Capito ne parlerò alla mia dottoressa grazie mille dottore mi è stato di grande aiuto. Buonaserata e scusi il disturbo

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla, nessun disturbo.

Buona serata anche a Lei
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente 457XXX

Buongiorno ho iniziato da 1 mese piu la terapia preventiva Come consigliato Da lei e anche dalla mia dottoressa durante la visita.
Per il primo mese prendevo due pastiglie al giorno da domenica scorsa ho iniziato a prenderne una al giorno solo la mattina e vedo che questa terapia funziona perché da quando la ho iniziata non ho più avuto problemi di emicrania aurea.
Mercoledì notte andando al giovedì mi sono svegliata improvvisamente con del mal di testa nella zona destra della fronte concentrato principalmente sulla parte alta del sopracciglio e sulla parte del naso Tanto che se schiacciavo queste due zone sentivo dolore o comunque una pressione,ho aspettato alcuni minuti per vedere se mi passava ma non avendo visto risultati ho preso una pastiglia,dopo aver preso questa pastiglia come quasi sempre mi succede ho avuto la nausea continuata per circa altre due ore.
Dopo l’assunzione della pastiglia il mal di testa era cessato e ho tranquillamente continuato a fare quello che dovevo fare.
Stanotte verso le cinque mi sono svegliata con gli stessi sintomi della notte precedente ho preso una pastiglia per far cessare il mal di testa e dopo averla presa però ho vomitato e ho accusato nausee dopo circa un’ora che mi ero riaddormentata tutti i sintomi mi sono passati.
Dato che l’appuntamento con la mia dottoressa lo ho fissato per mercoledì pomeriggio scrivo qui per avere un consulto su questi sintomi e per capire se dato che sono una persona ansiosa potrebbe essere causa di stress che si concentra maggiormente nella notte o se potrebbe riguardare qualcosa di più importante.

[#11] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

quale farmaco di prevenzione sta assumendo e a quale dosaggio? Quale antidolorifico? È quello che Lei utilizza di solito o è un nuovo farmaco?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente 457XXX

Come farmaco di prevenzione uso aura stop e ora ne prendo una al giorno, mentre stamattina e ieri ho preso un moment act che quando magari mi succede di avere mal di testa prendo senza problemi

[#13] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

potrebbero essere attacchi emicranici senza aura, almeno dalle caratteristiche che descrive.
Veda cosa Le dirà la neurologa.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente 457XXX

La cosa strana è che queste cose le ho avute solo quelle due notti poi di giorno sto benissimo non ho nulla.
Ho molta paura possa trattarsi di qualcosa di più grave, la dottoressa mi ha detto di misurarmi una volta al giorno massimo due la pressione per tenerla monitorata ma c’è l’ho bassa come sempre.
Potrebbe essere una nevralgia?

[#15] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Non vedo caratteristiche per pensare una nevralgia.
Dr. Antonio Ferraloro

[#16] dopo  
Utente 457XXX

La ringrazio molto dottore, Spero siano solo attacchi emicranici dovuti all’accumolo dello stress e non patologie gravi al cervello.