Utente 509XXX
Buongiorno Dottore,

il 9 Ottobre scorso sono stato ricoverato al Fatebene fratelli di Milano per ipoacusia e acufene all'orecchio destro. Da protocollo, sono stato sottoposto ad una cura cortisonica combinata con vasodilatatori periferici per accertarci rispettivamente della natura virale o vascolare del problema. Dopo 48 ore di cura, il mio esame audiometrico risultava notevolmente migliorato ma l'acufene non passava (sottolineo che registravo ipoacusia alle frequenze molto alte... possibilmente quelle coincidenti con le frequenze del fischio che sento all'orecchio).
Nonostante ciò, il medico non è rimasto convinto dei risultati incrociando audiometria e potenziali evocati e quindi ha chiesto una risonanza con e senza contrasto che sono riuscito a fare qualche giorno dopo.
Di seguito il referto:
Non evidenti aree di alterato segnale a livello del cervelletto e del tronco encefalo. Il quarto ventricolo è in sede, mediano, di dimensione nei limiti. Non sono evidenti espansi in a livello degli angoli pontocerebellari. Nei limiti la morfologia dei pacchetti stato acustici.
In sede sovratentoriale si osserva la presenza di plurime aree di alterato segnale iperintense nelle sequenze a TR lungo localizzate a livello della sostanza iuxtacorticale e periventricolare fronto-parietale bilaterale, alcune delle quali con asse lungo perpedincolare ai ventricoli ed alcune localizzate in corrispondenza del corpo calloso. Le strutture della linea mediana sono in asse. Il sistema ventricolare è in sede, simmetrico, di dimensioni nei limiti per l'età. regolare la rappresentazione degli spazi liquorali periencefalici. I rilievi descritti risultano sospetti in senso demielinizzante, meritevoli di correlazione con il dato clinico-laboratoristico. A livello del canale acustico interno dx si osserva focale contatto tra struttura vascolare e l'VIII nervo cranico. Non evidenti aree di enhancement contrastrografico patologico.

Ammetto che alla prima lettura non ho capito molto ma poi documentandomi ho compreso che sicuramente è una condizione che va indagata.
Lei a primo acchito cosa mi suggerisce? Ovviamente mi hanno prescritto una visita neurologica che purtroppo farò il prossimo 8 novembre.
Avere un suo parere mi farebbe molto piacere.

A presto e grazie in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

in base alla distribuzione e alla localizzazione delle areole e alle loro caratteristiche il neuroradiologo ha sospettato la natura demielinizzante delle stesse. Buona notizia la non impregnazione patologica del mezzo di contrasto ("Non evidenti aree di enhancement contrastrografico patologico").
Ovviamente occorre un approfondimento diagnostico, per facilitare i tempi sarebbe consigliabile rivolgersi direttamente ad un centro per lo studio delle malattie demielinizzanti, nella Sua città ce ne sono di eccellenza.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 509XXX

Grazie per la sua risposta celere. Le pongo un'altra domanda: potrebbe essere un problema di natura vascolare o legato al fatto che congenitamente soffro di pressione alta? (tendenzialmente 140/90)

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

l'ipotesi dell'origine vascolare è pure teoricamente possibile ma da quanto scrive il radiologo che ha potuto visionare accuratamente le immagini e studiare la localizzazione è più probabile quella demielinizzante, ovviamente da verificare.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 509XXX

Grazie ancora,

Una cosa non mi è chiara...l’origine o la natura delle areole implica necessariamente una malattia attiva in corso?

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

se le lesioni sono demielinizzanti non sono attive in quanto non assumono mezzo di contrasto. Una lesione attiva assume il mezzo di contrasto.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 509XXX

Buongiorno Dottore,

Grazie ancora per la sua celerità e disponibilità. Purtroppo non ho ben capito...devo temere SM? Io, ipoacusia a parte, non ho altri sintomi...vedremo col neurologo

A presto

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

una SM è tra le ipotesi possibili ma ovviamente tutta da verificare, ecco perché sono stati consigliati ulteriori approfondimenti diagnostici.
Consideri che esistono forme con alterazioni demielinizzanti alla RM ma senza sintomi o solo qualche sintomo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 509XXX

Grazie sempre,

non è semplice non allarmarsi ma pazienterò aspettando la visita neurologica.

La terrò aggiornata

A presto

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Va bene, può farmi sapere gli eventuali sviluppi del caso.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente 509XXX

Buongiorno Dottore,

le scrivo con gli sviluppi del mio quadro diagnostico.
Ho fatto una visita neurologica con esito negativo. Il neurologo ha definito le areole di natura aspecifica e mi ha prescritto un ecodoppler con contrasto che ho fatto stamattina ed ho il FOP.
Che ne pensa?

Grazie in anticipo

[#11] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

il FOP è una condizione molto frequente, circa il 25% della popolazione.
È stata esclusa la natura demielinizzante delle areole di alterato segnale riscontrate alla RM?

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente 509XXX

si, non essendoci sintomatologia evidente. rifarò, per sicurezza, RM tra 6 mesi. Beh la causa può essere proprio il FOP, giusto?

[#13] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

sì, certamente il FOP può causare le alterazioni in questione.
Condivisibile il controllo RM tra sei mesi.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro