Utente 511XXX
Buongiorno dottorI sono un ragazzo di 36 anni con moglie e figli lei capisce l'importanza di ritornare a stare bene.
Otto anni fa ho prima contratto la varicella poi dopo alcuni mesi una febbre sembrava una banale tonsillite risvoltasi con terapia cortisonica in alcuni giorni successivamente visto il protrarsi di sintomi particolarmente strani sia fisici debolezza sudorazione notturna insonnia ansia attacchi di panico praticamente durante la febbre sentii che le fibre di tutto il corpo si irritavano il cuore sembrava aver cambiato ritmo da allora sempre tachicardie dopo alcune analisi scopri di aver avuto la mononucleosi e lo streptococco piogeno ma con il tempo i sintomi invece di migliorare peggioravano i medici "non ti preoccupare è tutta questione di ansia passerà" stufo dopo alcuni mesi mi recai da un omeopata il quale mi spiegò quello che l'ebv stava combinando nel mio corpo mente compresa per sei mesi l'ansia insonnia diminuirono di molto ma aumentarono i fastidi fisici ogni 15 giorni avevo febbre poi formicolii debolezza mi diceva che era normale perché il corpo stava combattendo una guerra con il virus. Ma lavorando non riuscii più a seguire la cura visti i sintomi quindi abbandono tutto devo dire che superati i sintomi ansiosi rimanevano quelli fisici ma riuscivo a sopportarli sono andato avanti per due anni discretamente successivamente rispuntano insieme ai disturbi fisici i disturbi tensivi ansiosi insonnia inappetenza circa il 2012 mi sono quindi rivolto a psichiatra che mi ha diagnosticato disturbo dell'umore (forse bipolare) curato con farmaci antidepressivi "mutabon antidepressivo" e depakin 500 crono ho avuto miglioramento ma non un reale benessere tutto comunque in un lasso di tempo molto lungo ma col passare degli anni l'efficacia diminuiva subentrando sintomi ansiosi somatici debilitanti. Decido di interrompere tramite altro psichiatra del san raffaele di milano il quale mi ha detto che non ravvisava nessun disturbo bipolare ma solo sintomi depressivi da curare con farmaci serotoninergici citalopram zoloft ed infine paroxetina purtroppo nessuno di questi mi ha dato beneficio anzi stavo malissimo al punto di voler non prendere più psicofarmaci ho provato una settimana ma stavo male la tensione nervosa era tantissima ansia a mille ho provato con lo psicologo ma non fa per me non credo di avere problemi psicologici ma fisici.
Ho deciso con la mia psichiatra di ritornare alla vecchia cura cioè mutabon antidepressivo 4 pasticche e depakin 500 come stabilizzatore dell'umore già il giorno dopo mi sono sentito meglio ma non sto mai veramente bene poi ci sono effetti collaterali come tremori e carenza di libido e vuoti di memoria.
Vorrei saper cosa ne pensate in merito se ho veramente disturbo bipolare e se sia o meno legato al sistema immunitario e se si può catalogare questo disturbo nelle malattie atipiche come fibromialgia post virale che sembrano avere sintomatologia simile

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
La situazione può essere inquadrata da uno specialista in psichiatria con una visita diretta ed ovviamente è improbabile fornire un orientamento diagnostico on line.

La terapia ha alcune indicazioni. Probabilmente primariamente andrebbero eradicate le sue convinzioni rispetto alle malattie.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it