Perchè la terapia non sta funzionando?

Buonasera e buone feste a tutti! soltanto in questi giorni sto trovando un po' di tempo per esporre il mio problema in questo forum.
cerco di ricostruire rispettando il numero massimo di caratteri la mia esperienza.
alla fine del maggio 2019 vado dal mio dottore di famiglia e racconto con infinita vergogna i miei problemi, a causa dei quali ero finito due giorni prima in pronto soccorso.
le analisi erano tutte negative comunque e prima di dimettermi mi diedero un beta bloccante perchè era un attacco di panico.
il dottore di famiglia dopo avermi visitato e analizzato bene l'ecg dell'ospedale mi diede il recapito di uno psichiatra che io contattai il pomeriggio stesso.
a inizio giugno vengo visitato da lui e mi prescrive il sereupin da 20 mg la mattina.
la diagnosi è di disturbo da panico, ossessivo e ansietà sociale.
a inizio luglio 2019 il dosaggio fu aumentato a 40 mg e a inizio settembre a 60 mg, dose oltre la quale non si può più andare.
il panico svanisce ma rimane l'ossessività e la timidezza, quindi a metà novembre lo psichiatra decide di sostituire il sereupin con l'anafranil 30 mg la sera.
nel 2020 comunque per paura di prendere il virus lo sospendo.
in totale l'ho preso per soli tre mesi con miglioramento delle ossessioni ma non dell'ansietà sociale.
lo sospendo a febbraio 2020.
ritorno dallo psichiatra a metà dicembre e decide di prescrivermi il cipralex: la motivazione fu che il cipralex è più selettivo del sereupin e dell'anafranil e funziona sia nel panico e nelle ossessioni che nella timidezza.
infatti quando fu introdotto sul mercato l'escitalopram era proprio considerato ed è tuttora la pillola contro l'introversione mi disse.
e in effetti facendo qualche ricerca è proprio così.
ne presi 20 mg fino a fine gennaio poi la dose fu aumentata a 40 mg, dose massima, che prendo con efficacia direi ottima per il disturbo ossessivo.
non ho più attacchi di panico ma questo già nel 2019 con il sereupin.
purtroppo però l'ansietà sociale non svanisce.
ormai l'ansia comunque non c'è più, la timidezza però sì e per lo psichiatra non è da imputare al carattere visto che fino a cinque sei anni fa ero molto estroverso.
la settimana scorsa mi è stato prescritto il risperdal 1 mg e l'abilify 5 mg la motivazione è che questi farmaci migliorano l'interazione sociale e la socializzazione.
quindi la timidezza. lo psichiatra ci ha tenuto a precisare che nel mio caso non servono per l'ansia ma per la timidezza e la socializzazione.
li posso assumere con serenità e sperando possano risolvere la timidezza e ansietà sociale?
a cosa è dovuto il loro effetto, vi ringrazio e ancora auguri di Buona Pasqua.
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 34k 828 50
Fondamentalmente ha utilizzato tre farmaci della medesima classe ma non sono stati utilizzati antidepressivi incisivi maggiormente sui suoi sintomi con azione differente.

Gli anti psicotici attualmente sono prescritti off label potrebbero agire sui sintomi.

A mio avviso la terapia andava gestita diversamente.

L’escitalopram ha un dosaggio massimo di 20 mg.


Dr. F. S. Ruggiero


http://www.francescoruggiero.it

https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille dottor Ruggiero.
Mi riconosco completamente in ciò che dice, nel 2019 quando presi il Sereupin svanì solo il panico ,le ossessioni purtroppo restarono . Poi l'Anafranil le fece un po' passare anche se dovetti sospenderlo .
Il Cipralex a 40 mg potrebbe causare problemi ? È vero che è la pillola anti introversione ?
Ben conscio del fatto che non si tratterebbe di un consiglio terapeutico bensì di un semplice consulto anche sulla base della sua esperienza potrebbe dirmi come avrebbe gestito lei la terapia?
Grazie in anticipo e Buona Pasqua!
[#3]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 34k 828 50
L'avrei gestita certamente in modo diverso, ovviamente ipoteticamente.

Il fatto che escitalopram possa essere definita "anti introversione" mi torna nuovo.
Sinceramente per esperienza anche se lo pubblicasse la migliore rivista al mondo non ci crederei.

L'uso off label del prodotto è responsabilità del prescrittore che nel frattempo le deve anche aver indicato che il prodotto è sovradosato e che deve effettuare i controlli cardiologici almeno ogni 6 mesi per il discorso del QTc.

https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#4]
dopo
Utente
Utente
Ha totalmente ragione, il Cipralex effettivamente è sovradosato visto che la dose massima è di 20 mg . purtroppo l'ultimo ecg che ho fatto è stato quello del maggio 2019 in pronto soccorso . lo psichiatra ricordo mi disse a inizio febbraio che volendo la dose può anche essere aumentata in alcuni casi a 80 mg al giorno anche grazie al fatto che è una molecola "pulita" rispetto ad esempio alla sertralina . fui io a proporre questo farmaco ma mi disse che blocca la ricaptazione della dopamina e quindi può generare la schizofrenia in pazienti già affetti da disturbo ossessivo , anche la fluoxetina può potenzialmente provocarla .
nella sua esperienza c'è una molecola che si è rivelata risolutiva o comunque utile nell' introversione patologica ? se posso vorrei portare alla sua attenzione questo articolo

https://www.repubblica.it/online/cultura_scienze/pillola/pillola/pillola.html

ha basi di verità il contenuto? a tratti è identico a ciò di cui mi parlò lo psichiatra a dicembre ma io ero effettivamente scettico.
[#5]
dopo
Utente
Utente
Mi correggo , non schizofrenia ma uno stato simile alla schizofrenia . essendo comunque gli antidepressivi potenzialmente pro psicotici .

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio