x

x

Ansia ossessiva ipocondriaca

Salve, due anni fa consultandomi con il mio neurologo, mi fece una diagnosi di disturbo depressivo ansioso, e mi prescrisse seropram gocce, iniziando con 2 gocce fino ad' arrivare a 10... Ho passato un periodo di quasi normalità, ma ahimè dopo 2 anni mi sono ritornati malesseri fisici, essendo molto ipocondriaco ho cambiato medico e sono tornato dal mio neurologo che mi ha cresciuto sin da piccolino, sapendo sempre che ero un soggetto molto ansioso e ipocondriaco, facendoci una chiacchierata di un ora mi ha detto che non soffro di nessuna forma depressiva, ma solo di una forte ansia ossessiva ipocondriaca, mi ha prescritto prazene da 10mg e mi ha detto di scalare lentamente seropram... Da quando ho iniziato a scalare sento come se la testa si stringesse, tipo una morsa, come se qualcuno mi stringesse la testa, da cosa può dipendere?
Dallo scalaggio del farmaco?
Premetto che faccio anche psicoterapia, ed' anche quest ultima non mi ha mai diagnosticato la depressione
Ricapitolando i sintomi attuali sono
Ansia al risveglio
Sensazione di testa confusa e pesante tipo cefalea tensiva
E umore basso!
Dopo quanto tempo passano sintomi da scalaggio farmaco?

Cosa mi consigliereste al riguardo?

Ve ne sono grato se mi dareste una risposta
Grazie
[#1]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 39,4k 921 271
Francamente l'ultimo passaggio terapeutico mi pare non soltanto incomprensibile, ma anche un controsenso rispetto alla diagnosi fatta.

Chieda un parere psichiatrico.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini&__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&ref

[#2]
dopo
Utente
Utente
Le chiedo scusa dottor pacini, in che senso incomprensibile?
[#3]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 39,4k 921 271
Nel senso che non ne capisco la logica, anzi la logica in questi casi solitamente è potenziare la terapia specifica. Togliere il seropram per inserire un farmaco destinato ad avere un effetto transitorio che poi determina comunque un certo legame non terapeutico...è una cosa di cui non capisco veramente il principio.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini&__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&ref

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto