Utente 485XXX
Salve scrivo a voi in quanto sono a dir poco disperata. Sono incinta da quasi 12 settimane. Sono sposata con un uomo fantastico da 1 anno. Ho sempre voluto un figlio da lui, ma adesso sono terrorizzata all'idea di avere un figlio e rifiuto completamente l idea. Ho preso informazioni su come abortire ma non ne ho avuto il coraggio in quanto in cuor mio pensavo la gravidanza non procedesse bene inoltre a volte sono quasi felice ma per la maggior parte del tempo mi sento disperata. Invece sembra tutto perfetto. Ora che sto quasi per arrivare al 4 mese e quindi impossibile x me abortire mi sembra di impazzire al punto di essermi anche procurata delle pillole per l aborto. Mi sento una vigliacca e senza via d uscita. Vi prego di aiutarmi rispondendomi in qualche modo.

[#1]  
Dr. Marco Arrigo

24% attività
8% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2018
Gentile Utente,

all'idea di avere un figlio, cosa la terrorizza maggiormente?
Che cosa implica per lei avere un figlio?
Dr. Marco Arrigo - Psicologo
Messina e Reggio Calabria. Tel: 3480535198.
https://marcoarrigo.wixsite.com/psicologia

[#2] dopo  
Utente 485XXX

Le responsabilità, la paura di non avere più una vita serena come prima di rovinare la sintonia perfetta che adesso ho con mio marito. Non riesco neanche ad immaginarmi con il pancione. Vorrei abortire e togliermi questo peso di dosso ma non credo di essere ancora in tempo. E questo appunto mi ha portato a procurarmi delle pillole che causerebbero aborto e non vorrei veramente . Ma sono sommersa dalle paure. Mi sembra di soffocare.

[#3]  
Dr. Marco Arrigo

24% attività
8% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2018
Quindi è come se nell'immaginare ciò che potrà comportare la maternità lei non si sentisse sufficientemente capace di poter gestire il tutto.

Sembra quasi come se la maternità possa diventare per lei una sorta di prigione dalla quale non ne potrebbe uscire.

I sentimenti che ha espresso qui li ha condivisi con il suo partner o tende a contenere il tutto dentro di sè?
Dr. Marco Arrigo - Psicologo
Messina e Reggio Calabria. Tel: 3480535198.
https://marcoarrigo.wixsite.com/psicologia

[#4] dopo  
Utente 485XXX

Si li ho condivisi con lui, e ha cercato di aiutarmi in tutti i modi, ma è inutile io non mi sento in grado di portare avanti tutto ciò. Ogni mattina mi sveglio e sento come se qualcosa mi schiacciasse. Certo lui non sa delle pillole che ho in mio possesso e spero che se dovessi usarle non se ne accorga.

[#5]  
Dr. Marco Arrigo

24% attività
8% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2018
E' quindi un problema del tutto personale relativo alla gestione della gravidanza e della potenziale maternità.

Premesso che qualsiasi decisione dovrebbe sempre essere presa con la consultazione di un medico onde evitare problemi di natura fisica, le consiglio inoltre di rivolgersi di persona ad uno psicologo affinchè lei possa trovare il modo di elaborare il suo vissuto del momento.
Dr. Marco Arrigo - Psicologo
Messina e Reggio Calabria. Tel: 3480535198.
https://marcoarrigo.wixsite.com/psicologia

[#6] dopo  
Utente 485XXX

La ringrazio infinitamente per avermi risposto. Volevo chiederle e la ringrazio ulteriormente se mi risponderà se prendendo quelle pillole a 12 settimane corro rischi per la mia salute? Inoltre lei è di Messina e io vengo dalle isole eolie secondo lei sarebbe ancora possibile x me abortire in ospedale? Grazie ancora anche xké è l unico con cui io abbia parlato.

[#7]  
Dr. Marco Arrigo

24% attività
8% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2018
Dopo i primi 90 giorni di gravidanza l'aborto può essere effettuato solo in presenza di specifiche situazioni (malformazioni del nascituro, grave pericolo per la salute della madre).

Le consiglio caldamente di non intraprendere alcuna azione senza un parere di un medico, ne va della sua salute.
All'ospedale Papardo può contattare il centro IVG per avere un parere in merito.

Tuttavia mi permetto di ribadirle l'importanza di consigliarle un lavoro psicologico sul vissuto che sottende la volontà di abortire (il senso di responsabilità opprimente, la visione catastrofica del suo rapporto di coppia) in quanto, a prescindere dalla volontà di abortire in sé, questi sono vissuti con cui potrebbe dover rifare i conti in futuro.
Dr. Marco Arrigo - Psicologo
Messina e Reggio Calabria. Tel: 3480535198.
https://marcoarrigo.wixsite.com/psicologia

[#8] dopo  
Utente 485XXX

Grazie mille per avermi risposto.