Utente 502XXX
Buongiorno,
Vi scrivo per un opinione riguardo alla mia situazione. Premetto che ho 32 anni. Dieci anni di prostatite cronica

Inoltre ho da mesi ho sensazioni strane nelle zone anali (più che altro interne) e perineale, quasi 24/7 che mi hanno sinceramente sfinito, oltre a feci non regolari come colore e consistenza, allego il link alla discussione precedente nel caso possa essere utile. (colonscopia negativa)

https://www.medicitalia.it/consulti/colonproctologia/637117-dolore-bruciore-retto.html

Ultimamente (due settimane fa) sono anche stato sottoposto ad un intervento per ernia inguinale bilaterale (di cui una recidiva) in laparoscopia tecnica TAPP.
Dieci giorni dopo l intervento sono andato da:
Proctologo che ha trovato una proctite abbastanza acuta ed una piccola ragade che secondo lui potrebbe darmi questi dolori costanti da mesi. Cura con supposte e crema interna
Urologo, che oltre ad aver trovato una prostata molto grande ed infiammata, ha effettuato ECO per sospetti al testicolo dx:

"EO Testicolo destro irregolare di consistenza aumentata. ETG presenza di due aree nodulari ipoecogene poco vascolarizzata. ER prostata x2 dolorabile fibrosa.
Conclusioni, riacutizzazione di prostatite cronica. La lesione sospetta al testicolo dx potrebbe essere un espressione di un problema ischemico focale o flogistico al testicolo dx; in alternativa potrebbe trattarsi di una forma tumorale".

Il gonfiore al testicolo/scroto è cominciato una mattina due giorni dopo l intervento. Appena alzato dal letto, ho sentito come affluire una grossa quantità di sangue allo scroto e fastidio/dolore/pesantezza stando in piedi soprattutto. Dopo dieci giorni il volume è circa sempre quello (2/3 volte l altro direi) e posso sentire delle escrescenze strane, medio dure ed indolori ad una estremità del testicolo oltre ad uno scroto infiammato intorno. Ho anche notato alla palpazione che ho come dei nervi (?) "ingrossati" nella V tra scroto e inizio coscia. Dall altra parte sono quasi inpalpabili.

In questi giorni sento doloretti e fastidi un po' ovunque, addome, inguini, coscie etc... Ma difficile dire se dovuti all operazione stessa o no immagino.

L urologo mi ha prescritto esami del sangue con marcatori LDH, HCG, AFP, CEA ed una RMN testicolare con mdc perchè i marcatori non sarebbero comunque affidabili secondo lui.

Ho letto su internet che la RMN in questi casi viene prescritta raramente.
Il tumore ai testicolo può portare metasatasi o essere lui stesso una metastasi di altri tumori localizzati ala prostata, retto, vescica?

Secondo voi il medico della mutua dovrebbe farmi una richiesta con urgenza?

Potrebbero esserci problemi dovuti alle precedenti operazioni per ernie con annesse mesh interne dovessi rimuovere il testicolo?
Vi ringrazio infinitamente e vi chiedo scusa per la lunghezza del post. Aggiornerò con esiti esami.

Buona giornata

p.s. L urologo mi ha intanto prescritto una cura per gli altri sintomi con Deltacortene, Lansoprazolo, Ciprofloxacina, Enterolactis plus, Rifacol, Topster, Permixon.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La relazione temporale diretta tra la comparsa della tumefazione testicolare e l'intervento erniario (in cui il funicolo spermatico viene abbastanza sollecitato) rende assai più probbaile l'origine infiammatoria. D'ogni mdo per prudenza sarà opportuno ripetere l'ecografia almeno un paio di volte nei prossimi 2 mesi, se possibile eseguita da un ecografista titolato, ovvero un radiologo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 502XXX

Buongiorno, la ringrazio per la risposta.

Aggiorno con i risultati degli esami del sangue:

(LDH) 338 * U/l 125 - 220

(BHCG) < 1.20 mUI/ml 0.0 - 5.0

(C.E.A.) 0.5 ng/ml Non fumatori: 0.0 - 2.5

(A.F.P.) 3.6 UI/ml 0.0 - 6.7

Lei mi consiglia la rinonanza e/o qualche altro esame?

Grazie

Buona giornata

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Diremmo di no. I marcatori oncologici del testicolo sono negativi (la lattico deidrogenasi non è speifica). Pensiamo sia sufficiente il controllo clinico e la ripetizione dell'ecografia, come già segnalato.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 502XXX

La ringrazio, il mio urologo insiste per la risonanza quindi la farò a questo punto.

Segnalo che il testicolo da molto grosso è diventato molto piccolo ora, sarà la metà dell’altro.... quando ho controllato non riuscivo neanche a trovarlo all inizio...

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La riduzione repentina di volume induce a pensare ad un danno ischemico legato,all’intervento erniario, circostanza non così rara in caso di interventi complessi o recidive.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 502XXX

Dovrei preoccuparmi nel caso fosse quanto ipotizza lei? Può tornare alle dimensioni normali o è un testicolo “perso”?

Nel frattempo sto provando a contattare l urologo



Grazie

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Stiamo parlando solo di ipotesi, la valutazione diretta è imprescindibile.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 502XXX

Il mio medico dice di aspettare l esito della rmn (la farò tra una settimana) per trarre conclusioni. In pratica posso solo aspettare sperarando di non perdere il testicolo e che torni delle sue dimensioni o c’è qualcosa di concreto che posso fare nel frattempo? Non vorrei che poi fosse troppo tardi.... se andassi al pronto soccorso c’è qualcosa che potrebbero fare?

Noto che di notte il testicolo è veramente minuscolo mentre durante il giorno riprende un pochino volume fino a diventare circa metà/due terzi dell altro.
Sento anche più fastidio del solito in zona scrotale/inguinale/addominale questi giorni, simile alla sensazione che si ha quando si riceve un colpo alle parti intime

La ringrazio per la sua disponibilità

p.s. l eiaculazione potrebbe avere effetti deleteri in questi giorni o non influenti al quadro generale?

[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
L’eiaculazione non comporta rischi particolari. Non ravvediamo provvedimenti immediati da consigliare, posto che comunque che anche la risonanza dovrà essere supportata da un accurato esame obiettivo diretto.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente 502XXX

Buongiorno,
Ecco il risultato della risonanza:


RM SCROTO s+mdc
Notizie e quesito clinico: tumefazione testicolare destra

Eseguite scansioni sui tre piani con sequenze SE T1, FSE T2 e STIR

Nel contesto del didimo di destra al IIl inferiore è apprezzabile un'area di circa 13 mm a cercine vascolarizzato e a
contenuto non vascolarizzato possibile espressione di un fatto ischemico focale e in seconda analisi con una lesione di
tipo ascessuale meritevole di ulteriori valutazioni diagnostiche
Nulla da segnalare a livello scrotale a sinistra

Che ulteriori esami sarebbero da fare secondo lei?

La ringrazio
Buona giornata

[#11] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Sostanzilamente si confermano i nostri sospetti. Diremmo che non vi siano altri accertamenti da fare ed altrettanto dal punto di vista trerapeutico. Faccia comunque riferimento a quanto le consiglia il suo urologo di riferimento.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#12] dopo  
Utente 502XXX

Sto aspettando di vedere il mio urologo settimana prpssim, ora è in ferie. Mi ha consigliato di ripetere esame ldh.

In pratica il testicolo è “morto” e non c’è niente te da fare neanche in prospettiva futura? È molto piccolo e abbastanza dolorante sempre, direi che ho fastidì generalizzati sempre a tutta la zona scrotale e addominale, da entrambe le parti anche se il sinistro è normale.

Grazie ancora per le risposte