Utente 510XXX
Buongiorno ,

ho 35 , ho avuto poche relazioni ma ho sempre sofferto in ogni relazione affrontata di problemi nel poter effettuare l'ato sessuale , o non avviene l'erezione , oppure avviene ma non in maniera sufficente oppure avviene ma si mantiene per poco tempo.
dopo molto tempo, a 34 anni avendo trovato una relazione che non volevo rovinare per questo problema (ma che ormai è finita proprio per questo mio problema ) mi sono rivolto ad un andrologo.
Dalla visita ecodopler a pene non eretto è risultato che il flusso sanguigno è buono e non sono stati rilevati problemi fisiologici, la diagnosi è stata di disfunzione erettile psicogena.
La mia domanda è questa , se quando provvedo in maniera autonoma tutto funziona semrpe normalmente questo non è gia un segno che
fisiologicamente è tutto ok ?
premetto che sono una persona abbastanza ansiogena e soffro di attacchi di panico .

Ringrazio per una risposta.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

certo, sia le conclusioni del suo andrologo che le sue personali osservazioni, ci porterebbero verso un problema di prevalente natura psicologica.

Detto questo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste problematiche sessuali, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-trattamento-disfunzione-erettile-de.html

https://www.medicitalia.it/salute/disfunzione-erettile .

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 510XXX

Buongiorno ,
la ringrazio molto per la risposta , presumendo che sia di origine psicologica , è un problema che dovrò portare avanti tutta la vita? o ci sono delle terapie riabilitative , se si potrei sapere secondo al sua esperienza in che percentuale danno esito positivo?...
l'andrologo mi aveva consigliato du utilizzare per due mesi il Levitra da 10mg con cui in effeti ho avuto risultati ottimi

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

se anche il suo andrologo ha riscontrato che il suo problema è prevalentemente di tipo psicologico l'indicazione è proprio quella di sentire in diretta un bravo ed esperto psicologo; in questi casi ottimi sono i risultati che, in alcuni casi, prevedono pure un approccio iniziale di tipo farmacologico.

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica diretta rappresenta il solo strumento diagnostico per poterle dare poi eventualmente, quando possibile, un’indicazione clinica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 510XXX

Buongiorno ,
la ringrazio ancora per le sue celeri risposte ,
intraprenderò allora la ricerca di una terapia psicologia , che mi aiuti anche a superare il fatto di aver rovinato una relazione perche non ero " funzionante" a letto.

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006