Corpi cavernosi

Buonasera, sono un ragazzo di 24 anni che purtroppo sì masturba dalle 2 alle tre volte ogni giorno, e ieri l’ho fatto 4 volte, fin qui tutto normale, il problema è che raggiunto l’orgasmo dopo l’atto mentre ero sdraiato sul letto, ho sentito un forte calore che partiva dalla base del pene e si irradiava x tutta l’asta fino al glande, ma neanche ci facevo caso, poi verso le 2 ho provato ad avere un erezione ed è qui che è successa la cosa che mi sta mettendo più paura: praticamente di solito in seguito a stimoli, ho sempre ottenuto una buona erezione, invece questa volta alle 2 l’erezione iniziava ma dopo che il pene diventava un po’ duro, si interrompeva bruscamente, cioè più mi immaginavo in rapporti ecc, l’erezione non terminava, la parte superiore del pene rimaneva molle mentre la base un po’ dura, questo problema é continuato per tutta la giornata odierna, in cui mentre provavo a testarmi c’era anche un ansia abbondante, ora vi domando: può darsi che abbia danneggiato i corpi cavernosi o uretra?
(nessun sintomo, pene non gonfio riesco ad urinare bene), esiste per caso oltre la frattura peniena una lussazione dei corpi o del pene in generale?
Ci possono essere ematomi nei corpi magari non visibili a occhio nudo?
Oppure mi sono solo fissato e basta astenermi per un paio di giorni dalla masturbazione?
A cosa può essere dovuta questa mezza erezione che non diventa completa?
Ho prenotato una visita per il 9 aprile, ma ho paura che non facendo niente peggiori irrimediabilmente la situazione... resto in attesa di una risposta a queste domande e buona serata.
[#1]
Dr. Andrea Del Grasso Urologo, Andrologo 202 10
Buonasera,
ha fatto bene a prenotare la visita andrologica e farebbe bene a dare un po' di "riposo" al pene. Vedrà che poi tutto riprende come prima. La lussazione deI corpi cavernosi non esiste e la rottura dei corpi cavernosi si manifesta con dolore e ematoma (che lei dice di non aver avuto).
Saluti.

Dott. Andrea Del Grasso
Urologo - Andrologo
https://andreadelgrasso.it

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio