Utente 287XXX
Buonasera dottore,
il mio cardiologo mi ha prescritto un HOLTER ECG, dopo che gli avevo parlato di sporadiche palpitazioni del cuore, in quanto sono affetto da una lieve pervietà del forame ovale e da un aneurisma del setto interatriale con terapia di cardioaspirina 100 mg. Ecco di seguito il commento della cardiologia dell'ospedale dove ho eseguito l'esame:
RITMO SINUSALE PER TUTTA LA REGISTRAZIONE CON FC MEDIA 71 BPM (RANGE 44 - 141 BPM).
TRE BESV ISOLATI.
DUE BEV ISOLATI.
ASSENTI PAUSE.
NON ARITMIE IN CORRISPONDENZA DEL SINTOMO DESCRITTO IN DIARIO.

P.S. IL SINTOMO CHE AVEVO DESCRITTO NEL DIARIO ERA CHE IN UNA DETERMINATA ORA A CAUSA DI UNA SOPRAGGIUNTA LEGGERA ANSIA DOVUTA AD UN LITIGIO CON UN FAMILIARE HO AVUTO LA SENSAZIONE DI AVER SENTITO UN BATTITO PIU' INTENSO.

Gradirei cortesemente essere spiegato l'esito dell'esame in parole semplici e se secondo lei è il caso di far controllare il referto al cardiologo o in alternativa al medico curante.
In attesa di un cortese riscontro porgo distinti saluti

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
L' Holter e' normale.
Piuttosto la PFO e' stata valutata accuratamente con un ecococlordoppler transesofageo, un test a microbolle??
Perche' questa malformazione puo causare problemi non indifferenti

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 287XXX

Buonasera dottore,
Il PFO è stato valutato di lieve entità tramite Eco doppler cardiaco, ecocardiografia trans toracica con bubble test dove non si evidenza passaggio di microbolle a riposo dopo manovra di valsavia e l’ecografia trans cranica con bubble test dove al doppler pulsato campionato sul segmento MI dell’arteria cerebrale media si evidenza 1 segnale transiente iperitenso (HITS) dopo manovra di valsavia N. HITS 7 (v.n. <10).Si conclude per presenza di pervieta’ del forame ovale di lieve entità. Allo stato attuale si è deciso di non intervenire chirurgicamente e di usare solo la cardioaspirina da 100 mg. e controllo con risonanza magnetica al cervello 1 volta all’anno, anche se occasionalmente ho riscontrato una leggera ischemia al cervello ma dai controlli effettuati non si è riuscito a correlate le due cose in quanto non ho avvertito alcun sintomo, Molti sostengono che è una cosa vecchia.Cosa ne pensa.
Grazie e arrivederci

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
penso che se lei ha gia avuto una ischemia cerebrale anche se con nessun sintomo ma evidente alla TC lei dovrebbe provvedere alla chiusura del forame ovale.
le pare ragionevole aspettare di avere una grossa ischemia cerbrale invalidante per poi chiudere il forame ovale?

la mesicina è spesso buon senso ed anzi dovrebbe esserlo

arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 287XXX

Infatti caro Dottore questa è la domanda che ho posto anche io al Dottore che mi ha sconsigliato l’intervento dicendo che il PFO era di lieve entità e che comunque ero sotto terapia. Ma le ho scritto proprio perché non ne sono convinto e questo rischio comunque non mi fa stare tranquillo. Grazie mi adopererò in merito per cercare di fare l’intervento. Arrivederci

[#5] dopo  
Utente 287XXX

Buongiorno Dottore, le chiedo scusa se sono costretto a disturbarla di nuovo, ma gradirei un suo parere sull’esito della RM effettuata, visto che il mio cardiologo parla di verosimili esiti ischemici ed è per questo che essendo il PFO di lieve entità, lui consiglia di monitorare il problema anziché intervenire al momento chirurgicamente e di seguito cito le testuali parole del referto:
Piccola area iperetensa in T2 e FLAIR a sede frontale sinistra e paratrigonale sinistra, aspecifica, verosimilmente su esiti vascolari da correlare clinicamente.
Non apprezzabili aree di alterata intensità a sede sottotentoriale.
Sistema ventricolare regolare con III e IV ventricolo in asse.
Regolari gli spazi liquorale pericerebrali.
Preciso infine che effettuo con puntualità gli esami di laboratorio con cadenza inferiore all’anno e mai sono stati riscontrati valori anormali di trigliceridi, glicemia ad eccezione nei rari casi di colesterolo totale 220 che sistemavo subito con il semplice danacol. Tali esami sono stati ripetuti anche dopo la RM con esiti positivi. In attesa di sue cortesi valutazioni le porgo distinti saluti

[#6] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Vuol dire che lei ha gia' avuto ischemie cerebrale verosimilmente legate al suo PFO.
E che non abbia avuto esiti clinici rilevabili e' solo caso.
Aspettare a chiudere un forame ovale pervio aspettando che abbia una paresi, per esempio, e' solamente folle.

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza