Terapia per reflusso biliare

Partecipa al sondaggio
Salve dottori,

premetto che da diversi anni soffro di disturbi digestivi nati a seguito di un lungo periodo di forte stress emotivo e ansia generalizzata, mi sono rivolto recentemente ad un gastroenterologo a cui ho presentato una gastroscopia risalente al 2018 nel quale fu diagnosticato abbondante reflusso biliare.
A detta dello specialista questo fortissimo stress prolungato ha alterato la normale peristalsi favorendo quindi il reflusso della bile nello stomaco e poi nell'esofago (gastropatia alcalina).


La terapia prescritta è la seguente:

- Levosulpiride 25 mg prima dei pasti principali (o in alternativa Nausil Plus)
- Riopan un' ora dopo i pasti
- Abivisor (probiotico) per un paio di settimane.


I quesiti che pongo alla Vs attenzione sono i seguenti:
1) se concordate con la tesi dell'alterazione della peristalsi e se la terapia prescritta è corretta
2) se Il levosulpiride può essere assunto per un periodo relativamente lungo (2 mesi almeno è la durata stabilita dal gastroenterologo).
3) se il reflusso biliare possa negli anni causare problematiche molto serie allo stomaco e all'esofago (è ciò che mi spaventa maggiormente)

Grazie in anticipo.
[#1]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 29.5k 1.1k 12
1) teoria fantasiosa. Terapia corretta.
2) nel maschio si
3) no.
Cordiali saluti.

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2]
Utente
Utente
Grazie Dott. Bacosi per la sua pronta risposta. Secondo lei da cosa può dipendere il reflusso biliare?...Consideri che ho l'assoluta certezza che i miei disturbi sono cominciati proprio a seguito di stress e ansia , inoltre tenga presente che l'ecografia all'addome superiore non ha evidenziato alcuna problematica alle vie biliari. Andrebbe secondo lei approfondita la cosa .. e se si come ?
[#3]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 29.5k 1.1k 12
Sono alterazioni della motilità che nulla hanno a che fare con lo stress.
Nessun test da fare.

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4]
Utente
Utente
Grazie dottore...un ultima domanda. Secondo lei da questa problematica può guarire definitivamente o bisognerà anche in futuro controllarla magari ripetendo più volte la terapia?
Reflusso gastroesofageo

Il reflusso gastroesofageo è la risalita di materiale acido dallo stomaco all'esofago: sintomi, cause, terapie, complicanze e quando bisogna operare.

Leggi tutto