Quali esami eseguire per potere escludere il morbo di crohn?

Buongiorno,
da almeno 5 mesi presento alcuni sintomi intestinali tra cui gonfiore addominale dopo mangiato, diarrea frequente a volte alternata a stipsi, feci solitamente di colore marrone chiaro/giallo e consistenza poltacea, mancanza di appetito, perdita di peso; inoltre ho avuto un paio di episodi di sangue nelle feci.
Dal momento che i sintomi erano persistenti ho eseguito una colonscopia da cui è emersa solamente una infiammazione dell'ileo; dal risultato dell'esame istologico è risultato "piccolo intestino con iperplasia follicolare linfoide".
In seguito al risultato dell'esame istologico ho eseguito una visita gastroenterologica e il dottore mi ha prescritto screening per celiachia e calprotectina fecale, entrambi risultati negativi.
Il gastroenterologo mi ha dunque detto che per lui si conferma la diagnosi di sindrome dell'intestino irritabile, senza però richiedere ulteriori esami a cui aveva accennato al momento della prima visita (entero-rm e esofagogastroduodenoscopia).
Vorrei chiedere se posso essere sicuro di avere la sindrome dell'intestino irritabile e non il morbo di crohn considerato che non ho eseguito quegli esami, e se nel caso mi consigliate di sentire il parere di un altro specialista.
Grazie
[#1]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 29.1k 1.1k 12
Le ho già risposto.

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

Colon irritabile

Il colon irritabile (o sindrome dell'intestino irritabile) è un disturbo funzionale che provoca dolore addominale, stipsi, diarrea, meteorismo: cause, cure e rimedi.

Leggi tutto