Utente
Salve.
Sono alla fine della 17 settimana della mia(prima e tanto desiderata) gravidanza.La settimana scorsa ho avuto frequentem.delle perdite acquose(senza alcun colore,proprio come fossero acqua)più o meno abbondanti,che non avevo mai avuto in precedenza.Avevo letto che potevano anche esser normali,ma ovviamente ne ho parlato con il ginecologo quando giorni dopo ci sono andata per la visita di routine.Lui mi ha prelevato delle secrezioni vaginali(che però in quel momento erano bianco–lattiginose)e che ha commentato essere piuttosto abbondanti e non avere cattivo odore.Più che altro io ho avuto notevole fastidio/bruciore nell’introduzione dello strumento per il prelievo delle secrezioni e della sonda per l’ecografia interna che il ginecologo ha effettuato per accertarsi che l’infezione non avesse fatto danni anche internamente (utero ecc..)Per fortuna non c’eran problemi da quel punto di vista,ha parlato di membrane integre ma di vagina sede di flogosi e abbondante leucorrea(diagnosi:infezione vulvovaginale in gravidanza regolare).
Senza prescrivermi tamponi o altre analisi delle secrezioni mi ha direttamente prescritto l’uso di ovuli vaginali “Chemicetina 0,5”(cloramfenicolo)per 6 sere,e al termine di questa terapia “Sterilene lavande”per 5 giorni.Io riguardo l’uso dei suddetti ovuli son preoccupata.Ho letto in generale(ma anche sul foglietto illustrativo della confezione)che il cloramfenicolo è un antibiotico che supera la barriera placentare e può talvolta “esercitare effetti tossici sul feto”,per cui va usato solo in casi di effettiva necessità.A dire il vero anche sull’uso dilavande interne in casi di infezione in gravidanza,molti pareri sono discordi(alcuni sostengono che tali lavande propaghino i batteri vaginali a utero ecc…)ma è soprattutto riguardo l’uso degli ovuli a base di cloramfenicolo che io sono preoccupata di più…(in passato se avevo problemi di infezioni il mio ginecologo di fiducia –allora vivevo in un’altra città- mi prescriveva ovuli a base di altre sostanze..ma ora la situazione è diversa:nuova città,nuovo ginecologo e soprattutto sono incinta e dunque ho il dubbio:magari queste infezioni vanno combattute più drasticamente perché più pericolose in gravidanza..ma allo stesso tempo va considerato se tali sostenze non facciano male al feto).D’altra parte temo pure che non effettuare la terapia prescrittami possa peggiorare la situazione e causare rischi per la gravidanza.
Avrei bisogno di un cortese parere,perché son passati dei giorni dalla visita ginecol.e con questi timori non ho iniziato alcuna terapia,restando allo stesso tempo poco serena.
Ps:per completezza aggiungo che nei giorni successivi alla visita ginecol.e senza alcuna terapia non ho avuto più perdite acquose;son ritornate sporadiche piccole perdite bianco-a volte gialline che avevo i primi mesi e che all’epoca mi sembravan normali.Resta un prurito/bruciore esterno più che alla zona genitale a quella perianale,dopo aver fatto pipì.
Aspetto un consiglio. Grazie

[#1]  
Dr.ssa Vincenza De Falco

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2009
Cara signora,

il mio consiglio è quello di effettuare un tampone vaginale per orientarsi correttamente sulla diagnosi e sul tipo adeguato di terapia.

Un cordiale saluto.
Dott.ssa Vincenza De Falco, Ginecologa, Roma
www.menopausaserena.org

[#2] dopo  
Utente
..Pensavo anch'io che fosse molto più logico effettuare un tampone per capire meglio la situazione e il ginecologo potesse orientarsi su una terapia più mirata ed efficace. Però il gincologo non me l'ha prescritto; a questo punto dovrei rivolgermi ad un altro medico e penso che i tempi saran un pochino lunghi tra prescrizione/prenotazione e finchè mi daranno i risultati. Nel nel frattempo non dovrei intrapredere alcuna terapia...il mio dubbio è: può essere tale attesa rischiosa nel senso che una eventuale infezione può nel frattempo produrre danni più interni (membrana amniotica ecc...)rischiosi per la gravidanza? Grazie per la cortese attenzione

[#3]  
Dr.ssa Vincenza De Falco

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2009
Il tampone vaginale può essere prescritto anche dal suo medico di base.

Un cordiale saluto.
Dott.ssa Vincenza De Falco, Ginecologa, Roma
www.menopausaserena.org