Utente
Salve a tutti,
da circa 4 mesi soffro di un fortissimo mal di testa, questo mi prende entrambe le tempie e gli occhi. Prima parte con un forte dolore pulsante alla tempia sinistra per poi irradiarsi a quella destra, e agli occhi. Ho spesso capogiri e non riesco più a concentrarmi ne sul lavoro ne sugli studi. Ormai mi sta quasi "debilitando", sono molto preoccupata perchè questo mi crea stati d'ansia, vuoti di memoria, una stra sensazione di dover perdere il controllo di me da un momento all'altro (sento per tutto il corpo come una scarica), non riesco a mettere a fuoco senza una sensazione di fastidio. I passaggi forti di luce mi infastidiscono. Io volevo chiedere di cosa potesse trattarsi, siccome è stato un anno molto tosto potrebbe essere legato solo al disturbo d'ansia o magari a un emicrania da stress. Non saprei.
Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

esistono molteplici tipi di cefalea, è necessario individuare la forma precisa in modo corretto. Dal Suo racconto sembrerebbe una forma emicranica ma è ovvio che deve effettuare una visita neurologica presso un collega esperto in cefalee per avere una diagnosi corretta ed un'adeguata terapia.
Ha mai fatto una visita neurologica? Con quale frequenza insorgono gli attacchi? Regrediscono spontaneamente o in seguito a farmaci (quali)?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Buon pomeriggio,
non ho mai fatto una visita neurologica, gli attacchi insorgono quando studio o quando cerco di concentrarmi, molto spesso quando guardo il computer o guardo la tv. Non uso farmaci a parte delle compresse masticabili omeopatiche chiamate R16 ma queste non mi fanno nessun effetto. Inoltre prendo delle goccie quando sento che mi possa venire un attacco di panico, sempre omeopatiche chiamate R14 queste si funzionano. Sono preoccupata perchè è da 4 mesi che mi tormenta, ho pensato allo stress però mi si presentavano anche in vacanza. La prima volta che si è manifestato è stato per una ragazzata ad una festa associando un paio di bicchieri di montenegro e un tiro di spinello, mi sono subito sentita mancare e sono svenuta 5 volte. mi hanno portato subito al prontosoccorso e appena mi hanno visitato ho avuto delle clonie leggere al braccio e alla spalla sinistra e sono continuate per quasi mezzora. Ecco diciamo che me la sono voluta. E da li che sono cominciati i mal di testa, i capogiri e gli attacchi d'ansia. Ora che ho ricominciato gli studi mi sono trovata in difficoltà, ho difficoltà a stare attenta alle lezioni, non riesco a studiare e al lavoro non riesco più a focalizzare ciò che faccio mi sento intontita da questo mal di testa. Il mio medico di base mi ha suggerito di andare da un neurologo. Potrebbe essere solo una cefalea? Magari è legata alla sindrome dell'ovaio policistico. Devo preoccuparmi?
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Utente
Scusi mi sono dimenticata gli attacchi solitamente iniziano la mattina dopo colazione e solitamente si intensifincano verso la sera.

[#4]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

da quello che scrive una valutazione neurologica diretta mi sembra particolarmente indicata. Se si trattasse di una forma emicranica questa per definizione non ha una causa nota, gli eventuali fattori che si possono individuare come favorenti sono appunto fattori scatenanti e non la causa.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#5] dopo  
Utente
Grazie mille per il consulto, volevo porle una domanda io soffro di bruxismo notturno, potrebbe essere legato alla cefalea?
Cordiali saluti

[#6]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

potrebbe essere una causa.
Dr. Antonio Ferraloro