Utente 360XXX
Gentili Dottori,

da due settimane avverto una sensazione costante di vertigine soggettiva e di testa pesante, come se fossi sotto una pressa. Mi capita spesso di sentire come se dovessi cadere all'indietro da un momento all'altro, come se non fossi lucida, come se appunto fossi sotto una pressa che mi comprime la testa tutto il tempo, più o meno intensamente. Apparentemente sembro in perfetta salute, questa sensazione ha luogo solo nella mia testa e non mi impedisce di fare le mie cose come al solito, anche se è una sensazione costante che non si attutisce neanche da seduta o da sdraiata. Non ho altri sintomi se non un po' di fastidio all'occhio sinistro che noto soltanto quando mi faccio prendere dall'ansia. Non ho un vero e proprio mal di testa, solo questa perenne sensazione di compressione, di testa pesante e di instabilità. Non ho nausea, non vomito e non sono mai caduta nè ho mai perso realmente l'equilibrio.
Da circa tre anni porto il bite di notte perchè bruxo, spesso stringo i denti anche di giorno ma finora questo problema mi ha sempre procurato dei mal di testa tensivi che passavano/passano con gli antidolorifici. Questa è la prima volta che mi capita di avvertire una sensazione del genere e la sto vivendo davvero molto male.
Sono stata dal medico di base, ho fatto una radiografia al collo ed è tutto a posto, sono stata dall'otorino ed è tutto a posto a livello di orecchie. La prossima settimana andrò dal neurologo ma non riesco a stare tranquilla, ho paura che possa essere qualcosa di grave. Pensate che possa essere uno stato ansioso o la spia di malattie importati?
Ringrazio anticipatamente chiunque risponderà.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la sensazione che descrive spesso è ascrivibile ad una cefalea tensiva con contrattura muscolare cervicale e dei muscoli pericranici, anche senza un vero dolore. Ovviamente questa è solo un'ipotesi a distanza, ha fatto bene a prenotare la visita neurologica.
Con tutti i limiti del consulto a distanza, riterrei non trattarsi di problemi importanti.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 360XXX

Grazie Dottore. Se la sua ipotesi si rivelasse corretta, basterebbe la sola visita neurologica per determinarlo, o quantomeno per escludere altre patologie più importanti? Vivo all'estero, e non sempre mi è facile tornare in Italia per farmi visitare.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Nella maggioranza dei casi la visita neurologica è sufficiente per determinare l'orientamento diagnostico, in caso di dubbi si richiedono mirati esami di approfondimento.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 360XXX

Gentile Dott. Ferraloro,

ho effettuato la visita neurologica, la Dott.ssa ha constatato che il mio esame neurologico è risultato nella norma ("perfetto", a detta sua) e ha concluso che il disturbo derivi da una somatizzazione di ansia, senza prescrivere ulteriori accertamenti secondo lei non necessari visto l'esito dell'esame neurologico. Mi ha prescritto una cura a base di:
Pineans, 2 compresse al giorno
Levobren, 10 gocce al risveglio
Alprazig 10 gocce sublinguali al bisogno

Dopo due giorni dall'inizio della cura non ho notato alcun cambiamento. Lei cosa ne pensa?

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

due giorni di terapia sono logicamente insufficienti per valutarne l'efficacia, deve attendere alcune settimane, un po' di pazienza. Consideri pure che il pineans è un integratore per cui, qualora dimostrasse la sua efficacia, occorrerebbe un congruo periodo di assunzione.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 360XXX

Grazie mille, e come valuta invece la scelta di non fare altri esami di approfondimento? Mi spiego, in base a cosa il problema viene classificato come somatizzazione solo con la visita neurologica?
Le auguro una buona serata.

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
La visita neurologica con esito negativo è gia un elemento di valutazione, probabilmente associata all'impressione ricavata dal colloquio con Lei, poi subentra l'esperienza dello specialista che chiude il cerchio.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 360XXX

Ansia e stress da soli posso davvero dare luogo a una sintomatologia così acuta, per come io la percepisco? Purtroppo non riesco a tranquillizzarmi in maniera definitiva, nonostante mi sia stato detto di farlo.
La ringrazio per la pazienza Dottore.

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
In generale ansia e stress possono causare la sintomatologia riferita, continui la terapia iniziata.

Buona giornata
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente 360XXX

Buongiorno Dottore,

Sto seguendo la cura che mi ha prescritto il neurologo da una settimana. Effettivamente mi capita sporadicamente di sentirmi meglio, ma appena ci ripenso mi sembra tornato tutto come prima. Non riesco a togliermi il pensiero dalla testa, e continuo anche a pensare che forse sarebbe stato meglio fare una RM per stare più tranquilla, anche se la Dottoressa ha detto che non era assolutamente necessaria visto l'esito della visita. Mi chiedo quando e come dovrei aspettarmi che questa condizione fastidiosissima in cui verso da ormai un mese passi, in più trovandomi all'estero è ancora più difficile. La ringrazio davvero molto per la sua pazienza nel rispondere, mi fa sentire più tranquilla.

[#11] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Ancora è prematuro aspettarsi significativi miglioramenti ma probabilmente siamo sulla strada giusta considerato che avverte dei periodi di benessere soprattutto quando non ci pensa.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente 360XXX

Grazie Dottore, lei mi parlava in una delle sue precedenti risposte di "congruo periodo di assunzione". Quanto dovrebbe durare questo periodo secondo la sua esperienza per poter stare bene, o almeno per notare dei miglioramenti oggettivi?
La ringrazio nuovamente.

[#13] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Mediamente da 3 a 4 settimane, consideri però che gli integratori possono fare eccezione in quanto non sempre efficaci.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente 360XXX

E per quanto riguarda il Levobren invece?

[#15] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Ripeto, i tempi medi sono quelli che Le ho scritto precedentemente.
Dr. Antonio Ferraloro

[#16] dopo  
Utente 360XXX

Grazie mille Dottore.

[#17] dopo  
Utente 360XXX

Buongiorno Dottore,

da ieri oltre al perpetuarsi dei sintomi già descritti precedentemente mi sono comparsi anche dei formicolii che migrano in diverse parti del corpo, in maniera particolare in faccia, raramente anche su gambe e braccia. I formicolii sono comunque quasi sempre localizzati sul lato sinistro del corpo, e anche la sintomatologia che già avevo mi sembra più localizzata dallo stesso lato. La visita neurologica l'ho fatta meno di due settimane fa e non era stata riscontrata nessuna anomalia, sono un po' demoralizzata perchè invece di migliorare con la cura mi sembra di peggiorare. Cosa ne pensa? Grazie mille per la pazienza.

[#18] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Aspetti i tempi medi per verificare l'efficacia della cura, poi, se non dovesse avere benefici, si rivolga allo specialista per un'eventuale rivalutazione terapeutica.
Non si demoralizzi!

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

[#19] dopo  
Utente 360XXX

Buongiorno Dott. Ferraloro,

ho risentito il neurologo che mi sta seguendo dal momento in cui i sintomi di cui soffro non si sono attenuati dopo tre settimane di cura, purtroppo non ho potuto effettuare una nuova visita ma solo avere un parere telefonico. Mi ha consigliato di cambiare terapia assumendo cipralex (20 gocce al giorno da prendere gradualmente a partire da 2 gocce) e xanax 7 gocce per 3 volte al giorno. Cosa ne pensa? Mi sono messa l'anima in pace per quanto riguarda l'avere qualcosa di importante, dato che i sintomi non sono migliorati ma nemmeno peggiorati, e data la negatività della visita.
Le auguro una buona giornata!

[#20] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Adesso la terapia è certamente più idonea al Suo problema, essendo l'associazione ansiolitico più antidepressivo una delle più indicate per questi casi.

Buona giornata anche a Lei
Dr. Antonio Ferraloro

[#21] dopo  
Utente 360XXX

Grazie mille Dottore,

questi farmaci hanno delle interazioni con altre sostanze? C'è qualcosa che dovrei evitare di fare (ad esempio, assumere sostanze alcoliche o altri farmaci)?

[#22] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Sostanze alcoliche certamente, per altri farmaci si vedrà durante la terapia se ne verranno prescritti di nuovi.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#23] dopo  
Utente 360XXX

Buongiorno Dottore,

purtroppo nelle ultime settimane non ho avuto modo di cambiare la cura consigliatami dalla neurologa, e il mio medico di base mi ha quindi consigliato di continuare con la prima cura (Pineans e Levobren) fino al mio ritorno, previsto per il periodo natalizio. I miei disturbi non sono regrediti nonostante ormai segua la cura da sei settimane, ma devo ammettere che non sono nemmeno peggiorati. Faccio però sempre più fatica a convincere me stessa che non sia nulla di grave e continuo ad avere la paranoia di avere un tumore al cervello. Cosa può dirmi Dottore?
Nel frattempo ho fatto una visita ORL che non ha riscontrato nulla, esami del sangue (emocromo, ferro e ferritina) senza nessuna anomalia, ma non ho miglioramenti.
Inizio ad essere molto preoccupata.

La ringrazio anticipatamente per la cortesia e le auguro un buon lavoro.

[#24] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Probabilmente dovrebbe essere sostituito l'integratore, infatti precedentemente, tra le righe, avevo manifestato qualche dubbio. Pertanto una rivalutazione del caso la riterrei necessaria rivolgendosi al neurologo che La sta seguendo.
Altra possibilità potrebbe essere portare il bite anche di giorno, rivolgendosi nuovamente allo gnatologo.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#25] dopo  
Utente 360XXX

Una risonanza lei non la riterrebbe necessaria? Finora nessuno me l'ha proposta e io mi voglio fidare dei dottori che mi seguono, ma non riesco a placare la mia ansia.
Grazie mille dottore.

[#26] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Se nessuno finora ha ritenuto di consigliare la RM evidentemente non ci sono le indicazioni.
In base a questo mi sentirei di tranquillizzarLa.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#27] dopo  
Utente 360XXX

Gentile Dott. Ferraloro,

A distanza di qualche mese aggiorno la mia situazione: i giramenti di testa sono quasi del tutto scomparsi, ad eccezione di qualche episodio. In generale comunque va molto meglio, la remissione è avvenuta senza cure aggiungo, sono scomparsi spontaneamente dopo aver superato un periodo di forte stress.
Proprio quando pensavo di star bene però è comparso un nuovo problema: sempre a sinistra, ha iniziato ad appannarsi sporadicamente la vista ad un occhio solo, sempre lo stesso, il che mi ha portato a preoccuparmi di nuovo. La vista poi è tornata normale, ma ora mi trovo ad avere una specie di contrattura muscolare a tutto il muscolo della mandibola, intorno all'occhio e fino alla tempia: lo sento contratto, teso e dolorante, mentre dall'altra parte la situazione è normale e anzi non riesco proprio a contrarre gli stessi muscoli volontariamente. Non ho problemi a compiere alcun movimento, solo che i muscoli si contraggono naturalmente e devo concentrarmi per rilassarli.
Sempre a sinistra, inoltre, da un anno e mezzo ho anche un problema di bruciore alla lingua e gonfiore delle papille vallate.
Non capisco davvero da cosa possano originare sintomi simili, e soprattutto perchè solo e sempre dalla parte sinistra.
Può aiutarmi?
La ringrazio tanto.

[#28] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

considerato che riferisce una contrattura ai muscoli mandibolari di sinistra potrebbe trattarsi di un problema all'articolazione temporo-mandibolare, perchè non si fa controllare da uno gnatologo?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#29] dopo  
Utente 360XXX

Gentile Dott. Ferraloro,

Sono recentemente andata a farmi controllare da uno gnatologo, ma con la sola visita di controllo non ha rilevato problemi evidenti.
Secondo lei quindi il problema non è di competenza neurologica, ma gnatologica?

Cordiali saluti

[#30] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Come faccia a saperlo a distanza? Da qui possiamo fare solo ipotesi che non è detto che siano esatte. Consideri i limiti del consulto on line.

Dr. Antonio Ferraloro