Utente 459XXX
Salve dottori, sono una ragazza di 18 anni e da circa 15 giorni mi sveglio dalla mattina con questo vago mal di testa che più che doloroso è fastidioso, e va crescendo durante la giornata con fitte in vari punti della testa. Ho da 7 giorni la mandibola dx dolorante/bloccata, ho fatto una radiografia e non è risultato nulla se non un’apertura molto ridotta. Invece dall’ortopanoramica è risultato evidente un dente del giudizio incastrato in quel punto, quindi mi è stata prescritta una terapia antibiotica di 4 giorni che ad oggi non mi ha cambiato la situazione. Adesso però mi preoccupa questo mal di testa che non so se è collegato a questo problema dato che è cominciato molto prima, dalla settimana pre-mestruale risalente a 20 giorni fa. Ora la mia domanda è, ovviamente da ragazza un po’ ipocondriaca e ansiosa, dovrei fare una visita neurologica o una TAC dell’encefalo dato che il mal di testa persiste da tutti questi giorni? O dovrei semplicemente pensare ad una cefalea di tipo tensivo? La mia più grande preoccupazione sono i mali e gli aneurismi, mi allarmo facilmente e non riesco ad essere serena da molti giorni. Grazie in anticipo dell’aiuto

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Cara ragazza,
innanzitutto voglio tranquillizzarti perché l'aneurisma e gli altri "mali" cui alludi non si manifestano mai con cefalea. La durata protratta della tua cefalea può essere in relazione proprio con il tuo stato di ansia che ha verosimilmente causato una cefalea di tipo tensivo. Rivolgiti al tuo medico di famiglia che potrà eventualmente indirizzarti ad uno specialista. Se vuoi maggiori notizie sull'argomento, puoi leggere questo mio articolo di cui ti accludo il link:
https://www.medicitalia.it/salute/neurochirurgia/139-cefalee.html
Un caro saluto
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 459XXX

Grazie per avermi rassicurata dottore, provvederò a rivolgermi al mio medico di famiglia per eventuali visite.

[#3] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, mi colpisce questo passaggio del suo racconto:
"Ho da 7 giorni la mandibola dx dolorante/bloccata, ho fatto una radiografia e non è risultato nulla se non un’apertura molto ridotta."
Sembrerebbe individuare un quadro di Locking", blocco dell'Articolazione Temporo Mandiboolare (ATM), dovuto ad uno scivolamento del disco articolare mesialmentre (cioè davanti ) al condilo, il che comporta appunto blocco del movimento da quel lato. La radiogrfafia non é in grado di documentarlo: se mai ci vuole una Risonanza Magnetica, ma già un dentista-gnatologo esperto in problemi dell'ATM è in grado di diagnosticarlo clinicamente, richiedendo e ventualmente una RM per conferma.
In caso di blocco (locking), se non si sblocca da solo, è necessario effettuare al più presto le manovre adeguate per ottenere lo sblocco: il tempo che trascorre con il condilo bloccato le rende più difficili.
Appena sbloccato, bisogna realizzare al più presto un bite di riposizionamento mandibolare che impedisca la recidiva.
"Invece dall’ortopanoramica è risultato evidente un dente del giudizio incastrato in quel punto, quindi mi è stata prescritta una terapia antibiotica di 4 giorni"
il riscontro radiografico di un otttavo in disodontiasi non è sufficiente a rendere indicato un trattamento antibiotico: evidentemente si è anche riscontrata un'infezione, ad esempio una pericoronarite dell'ottavo. Anche questa può causare ipomobilità dell'ATM per il risentimento muscolare che provoca, ma se questa è stata la diagnosi, oltre all'antibiotico va programmata l'estrazione.
I problemi dell'ATM molto spesso causano cefalea , e il quadro descritto nel suo complesso mi farebbe pensare appunto ad una cefalea secondaria, che quantomeno va esclusa affrontando con decisione le due problematiche sopra esposte.
Cordiali saluti ed auguri.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com