Visita neurologica e rm encefalo con mdc

Buongiorno, sono una ragazza di 20 anni che quasi un mese fa ha cominciato ad avvertire leggere pressioni alla testa e sporadiche vertigini di tipo soggettivo (sottolineo che allo stato attuale la sensazione di pressione alla testa è quasi del tutto svanita, la avverto di rado, così come mal di testa di lieve entità).
Ho effettuato esami del sangue, radiografia alla colonna cervicale, visita neurologica e visita presso un otorinolaringoiatra, tutto regolare ad eccezione di una leggera riduzione dello spazio intersomatico C6-C7, che comunque mi è parso di capire non essere nulla di grave.
Nonostante la visita neurologica negativa, date le vertigini con natura da definire, il neurologo ha deciso di prescrivermi ulteriori esami del sangue per verificare lo stato della tiroide ed una RM all’encefalo con mdc.
Mi chiedo allora, è possibile ci sia alla base una patologia neurologica grave (come ad esempio un tumore cerebrale o una SM), nonostante la visita neurologica abbia avuto esito negativo o questa sarebbe già venuta fuori?
Le sole vertigini insieme a sporadici mal di testa/pressioni possono essere manifestazioni di queste patologie?
O si tratta di un esame prescritto soltanto per un ulteriore conferma e tranquillità anche da parte mia?
Il medico mi ha detto di avermi prescritto l’esame per identificare la natura di queste vertigini ma che non pensa possa essere riscontrato qualcosa di grave, tanto da avermi detto di non eseguire l’esame con urgenza.
Ringrazio chiunque mi risponderà.
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,1k 2,1k 23
Gentile Ragazza,

dalla sintomatologia che descrive e dall’esito negativo della visita neurologica non vedo elementi che possano fare pensare qualcosa di grave, peraltro anche il neurologo che l'ha visitata Le ha detto la stessa cosa.
Si tranquillizzi e segua serenamente le indicazioni del collega.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentile dott. Ferrarolo, la ringrazio per la celere risposta. Se possibile, vorrei chiederle se sintomatologie come la mia possano talvolta essere causate da un periodo di forte ansia e stress. Dimenticavo di riferire nausea in concomitanza con le vertigini, che si sono presentate fino ad oggi.
La ringrazio nuovamente e mi scuso per l’eventuale disturbo.
[#3]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,1k 2,1k 23
Gentile Ragazza,

teoricamente è possibile l’origine ansiosa della sintomatologia riferita, anche perché sono state escluse cause otorino e neurologiche.

Cordialmente

Dr. Antonio Ferraloro

[#4]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio nuovamente per la risposta e le pongo le mie ultime due domande: l’intermittenza con cui questi sintomi si manifestano può dare ulteriormente forza all’ipotesi che non si tratti di nulla di grave?
Qual è la differenza tra una RM senza e con mezzo di contrato e perché, secondo lei, il neurologo che ho consultato avrebbe preferito prescrivere, nel mio caso, una RM con mdc? Di fatto sono ancora in attesa di eseguire gli esami del sangue e soltanto in un secondo momento il mio medico curante mi ha consigliato di proseguire con la prenotazione della RM, quindi con molta probabilità passerà parecchio tempo e vorrei quantomeno cercare di tranquillizzarmi.
Grazie ancora per le sue gentili risposte, le auguro un buon lavoro ed un buon weekend.
[#5]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,1k 2,1k 23
"l’intermittenza con cui questi sintomi si manifestano può dare ulteriormente forza all’ipotesi che non si tratti di nulla di grave?" È già stato detto sopra e dal neurologo.
Il mezzo di contrasto serve per avere maggiori informazioni e differenziazioni su determinate anomalie che si possono evidenziare senza mezzo di contrasto.
Oggi molti radiologi preferiscono effettuare l’esame senza contrasto e passare poi a questa fase solo in presenza di reperti dubbi.

Dr. Antonio Ferraloro

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test