Tac addome per microematuria pz con protesi mitralica meccanica

Buonasera,
ho 40 anni e all'età di 22 anni a causa di endocardite non riconosciuta in tempo ho dovuto sostituire la valvola mitralica con una protesi meccanica, sono in terapia con Sintrom; soffro di endometriosi ma dal 2013 a causa di emoperitoneo in seguito a intervento per rimozione di ciste ho il ciclo bloccato (assumo pillola Cerazette continuativa).
nel 2018 ho avuto sangue occulto nelle feci positivo.

In questi anni, in tutti gli esami di routine nelle analisi urine ho sempre riscontrato emoglobina 0.20, 0.50, 0.10 mai una volta che fosse assente.
Dietro consiglio del ginecologo sono andata dall'urologo che mi ha preiscritto Tac addome e cistoscopia.

Ad oggi ho fatto la tac e questo è il referto:
Negativo l'esame preliminare pre contrastografico per calcoli RX opachi reno ureterali e vescicali.

Reni in sede dimensionalmente nei limiti.
Si segnala circoscritta retrazione corticale al III medio-inferiore del rene di
destra; non si evidenziano in tal sede accumuli patologici di mezzo di contrasto; il gruppo caliceale adiacente risulta
lievemente stirato quadro di probabile esito cicatriziale.

Non sono evidenziabili alterazioni a carico degli organi dell'addome superiore.
Non immagini abnormi retroperitoneali
anche di natura linfonodale.
Pelvi nei limiti Vescica regolarmente distesa priva di calcoli o aggetti; ureteri regolarmente
canalizzati nei limiti per calibro e decorso

Non riesco a capire...ci sono problemi?
Cosa significa retrazione corticale al III medio-inferiore del rene di destra?
Devo comunque fare la cistoscopia o da questo esame si escludono problemi alla vescica?
lo chiedo perchè è richiesta anche la profilassi per endocardite e se potessi evitarla sarebbe meglio.


Ringrazio anticipatamente, saluti

Ringrazio anticipatamente
[#1]
Dr. Paolo Piana Urologo 27,3k 1,3k 15
La TAC è sostanzialente negativa, l'alterazione renale è quasi sicuramente esito stabilizzato di una remotissima infezione. L'esecuzione della cistoscopia completerebbe lo studio del caso, anche se le possibilità di trovare alterazioni sono molto remote.

Dr. Paolo Piana
Responsabile Trattamento Calcolosi Urinaria A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.paolopianaurologo.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie dottore della risposta, quindi potrei avere avuto un'infezione pregressa senza saperlo...
Ma escludendo patologie questa microematuria persistente da dove potrebbe avere origine? Quali esami potrebbero essere necessari per indagare?

Cordiali saluti
[#3]
Dr. Paolo Piana Urologo 27,3k 1,3k 15
In un soggetto in TAO diremmo che si tratti di una manifestazione del tutto compatibile e nel suo caso certamente non preoccupante. E' stato comunque giusto, almeno una volta, approfondire un poco gli accertamenti.

Dr. Paolo Piana
Responsabile Trattamento Calcolosi Urinaria A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.paolopianaurologo.it

[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie dottore, a questo punto credo che non farò la cistoscopia...il valore dell' emoglobina nel sangue é sempre presente ...da sempre. Avevo provato a rifarlo anche a distanza di pochi giorni ma resta sempre lì...ormai sono 18 anni e non può essere il ciclo da momento che è bloccato per l'endometriosi, pazienza.
Un saluto e buona giornata

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test