Cambiamento dell’alvo e crampi

Salve, ringrazio in anticipo i professionisti che mi risponderanno.
Sono una ragazza di 23 anni che fino a 2 anni fa non aveva nessun tipo di problema se non qualche attacco di emicrania.

Circa 2 anni fa mi sono sottoposta per la prima volta ad una colonscopia dovuta a sanguinamento abbondante di sangue rosso vivo durante la defecazione, febbricola sui 37/37. 5 e dimagrimento, ho perso 10 kg in 3 mesi senza modificazioni della dieta.
La colonscopia non ha evidenziato nulla di preoccupante e vorrei chiarire che mi è stata richiesta perché il mio medico curante aveva pensato potesse trattarsi di endometriosi dato che mia madre ne è affetta e ha subito ben 7 interventi alla pancia, uno dei quali le hanno asportato una sezione di intestino.
Dopo questa colonscopia sono iniziati i problemi... ho ormai da due anni diarrea o feci non formate tutti i giorni, gorgoglìi nella pancia, dolori addominali spesso insopportabili che mi portano ad essere perennemente stanca, grandi quantità di muco all’interno delle feci, spesso feci gialle e grasse e mancanza di appetito.
Recentemente ho fatto un breath test per il lattosio che effettivamente ha evidenziato una intolleranza di secondo grado con sintomi moderati, ma anche escludendo il latte e tutti i suoi derivati, quasi prendendone come fobia qualsiasi alimento che è anche solo a contatto con qualcosa che contenga lattosio, i miei sintomi non si sono alleviati, bensì noto che giorno dopo giorno sono peggiorati e non ho alternanza con stipsi che magari prima mi succedeva.
Quando le feci sono leggermente più consistenti non hanno la classica forma ma bensì sono nastriformi.
Volevo aggiungere che sono andata a fare anche una visita da un chirurgo per una ipotesi di fistola anale, ma è risultato non fosse una fistola ma bensì una ragade con un ascesso che poi si è drenato da solo... da una ragade se ne sono formate altre due senza ascesso però.
Questo chirurgo è stato il primo a nominarmi il morbo di Crohn della quale io non sapevo l’esistenza.

Aggiungo anche che questo martedì ho una visita dal gastroenterologo che è stato colui che mi ha fatto la colonscopia.

Vorrei un vostro parere, perché la mia paura è che possa essere davvero morbo di Crohn.
Da aggiungere che qualunque cosa mangio è come se il mio corpo non assimilasse e non digerisse, con conseguente capelli fragili che non crescono e pelle continuamente secca e screpolata.
Calprotectina fecale: 56 su 50.

Grazie mille a chiunque mi risponda.
[#1]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 66,7k 2,1k 87
Se la colonscopia è stata negativa non penso proprio possa trattarsi di crohn. Presumibilmente una disbiosi intestinale

Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Salve dottore e grazie per la sua repentina risposta.
Ho fatto la visita dal gastroenterologo ed è risultata una corda colica causata da ansia. Mi ha prescritto levipraid 15 gocce al giorno suddivise nei 3 pasti principali. Unico dilemma.. l’ansia me la fa passare ma i disturbi no, mi ha detto di aumentare la dose a 25 gocce in caso notassi ancora problemi.. non saranno troppe?

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio