Utente 405XXX
Buonasera
Da circa 10 giorni soffro di mal di testa piuttosto continuo anche se non molto forte. Il dolore si concentra intorno ad entrambe le tempie e nella fronte.
La notte dormo bene, tuttavia appena mi sveglio mi gira la testa. Durante la mattinata il mal di testa arriva e continua sino a quando non vado a dormire. Mi sento anche gli occhi piuttosto lucidi e che bruciano. Il tutto è comunque sopportabile nel senso che riesco a lavorare senza prendere alcun analgesico.
Inoltre cinque giorni fa, dopo una sessione di sport, ho avvertito una forte fitta alla testa,come una breve scossa, vicino alla tempia destra e poi ho avuto qualche sudore freddo. Dopodiché il solito mal di testa.
Mi sono recato dal medico di base il quale mi ha misurato la pressione: 130-93.
La mia domanda è: può la pressione minima piuttosto alta come nel mio caso (la misuro raramente ma la minima così alta non la ricordo) determinare il mal di testa sopra descritto? In caso contrario cosa potrebbe essere? quali esami mi consiglia?
Grazie per l'aiuto

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

il valore pressorio riportato non è tale da causare mal di testa.
Piuttosto, dalle caratteristiche che descrive, sembrerebbe una cefalea tensiva ma lo scrivo solo come pura ipotesi a distanza, senza alcuna pretesa diagnostica.
In questa fase non esistono esami che possano stabilire il tipo specifico di cefalea, la diagnosi è nella stragrande maggioranza dei casi clinica, cioè con la visita neurologica ed il racconto del paziente (anamnesi).
Solo quando il neurologo ha dei dubbi, o per tranquillizzare un paziente ansioso, richiede degli esami diagnostici che servono soprattutto per escludere qualcosa o per fare diagnosi differenziale, ripeto, nei casi dubbi.
In conclusione, se la sintomatologia dovesse persistere effettui una visita neurologica presso un collega esperto in cefalee.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro