Utente 279XXX
Buongiorno,
Vorrei porre un quesito che sta diventando, per me e per il mio matrimonio, un grosso problema.
Circa un anno e mezzo fa sono diventata mamma, parto naturale.
Il mio problema inizia circa al 4*/5* mese di gravidanza.. Vedevo il mio corpo cambiare, non mi accettavo e di conseguenza provavo rabbia e vergogna sia nei confronti del mio pancione che di mio marito. Premetto che la gravidanza è arrivata, non la stavamo cercando...
Al 6 mese di gravidanza mi viene consigliato di evitare rapporti in quanto la placenta era bassa. Li a quella notizia mi sono sentita sollevata, ero felice di non dovermi sottoporre a quella che, per me, era diventata una tortura.
Credevo però che il problema si sarebbe risolto con la nascita della bambina..
Invece, dopo circa 7 mesi dal parto, dopo aver avuto qualche perdita fuori dal ciclo, non avendo ancora stimoli, ho deciso di rivolgermi ad una terapista/ psicologa x capire quale fosse il mio problema e alla ginecologa ( secondo la visita era tutto a posto e rimandava il problema alla psicologa) Ma purtroppo, ad oggi, nonostante stia continuando a fare il percorso nulla è cambiato. O meglio.. Qualche mese fa ho avuto un periodo in cui mi svegliavo durante la notte in preda alle voglie ed ero felice xche credevo che il problema fosse risolto, invece a febbraio 2019 mi arriva il ciclo, inizialmente solo perdite poi ciclo normale, x poi tornare ad avere di nuovo perdite, tutto questo per circa 1 mese. Ho contattato la mia ginecologa che telefonicamente mi ha prescritto una terapia di 6 mesi di progesterone. La terapia non l ho ancora iniziata, perché non trovavo giusto assumere ormoni senza aver eseguito una visita o comunque analisi del sangue. Da quel momento però, il problema si è ripresentato, Non ho voglia, ho un rifiuto totale verso il sesso., non ho fantasie.. In più nel provarci mi sono accorta che non percepisco neppure la stimolazione del seno, come se fosse diventato insensibile al tatto.
È come se il mio corpo avesse staccato la spina da quel punto di vista..
Ho fatto analisi del sangue tramite la mia dottoressa di base, e a livello di vitamine, ferro etc risulta tutto a posto, tranne l acido folico che è presente al 3,78 , ho fatto ecografia addominale e anche lì tutto è perfetto.
Non so più cosa pensare, sta diventando un problema molto Serio che mi toglie serenità, non faccio altro che pensare a come risolverlo per non mandare all aria il rapporto con mio marito, che amo tantissimo.
Quindi, chiedo a voi cosa potrei ancora fare, se magari rivolgermi ad un endocrinologo potrebbe essere utile.
Grazie in anticipo per la vostra attenzione.
P. S aggiungo che non ho allattato perché non era sufficiente ciò che avevo e che prima di conoscere mio marito non sono mai stata una grande fan del sesso, ma comunque ho sempre avuto una normale attività sessuale.

[#1]  
Dr.ssa Angela Pileci

52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gentile signora,

Lei nomina degli aspetti a mio avviso importanti:

1. non essere mai stata, anche prima della gravidanza, "una grande fan del sesso, ma comunque ho sempre avuto una normale attività sessuale."

Lei che cosa intende per "normale attività"? Adesso ci sono dei problemi con Suo marito a tal riguardo?

2. La vergogna per il pancione. Di questo ne parla con la psicologa? Si tratta di una psicologa che è anche psicoterapeuta? Quali obiettivi avete messo a fuoco fin qui?
Suo marito è coinvolto nel percorso che sta facendo?
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#2] dopo  
Utente 279XXX

Intanto grazie. Allora la psicologa è anche una psicoterapeuta. Il percorso è iniziato con mio marito e solo in un secondo tempo è proseguito con incontri individuali. Ho raccontato tutto alla psicologa, anche eventi che hanno segnato profondamente la mia esistenza, quali la perdita di entrambi i genitori in età adolescenziale. Stiamo lavorando per capire se ci sono stati traumi pre gravidanza. Poi, appunto credevo che il problema fosse risolto in quanto, circa 4 mesi fa mi svegliavo durante la notte in preda alle voglie, invece a seguito del ciclo durato quasi 1 mese tutto è tornato come prima.
La psicologa sa tutto, ed è stata lei a consigliarmi di sottopormi ad analisi per valutare che tutto funzionasse correttamente.
Oltretutto oltre all assenza del desiderio ho altre problematiche quali stanchezza, irritabilità, forti emicrania (quasi tutti i giorni), gonfiore già al mattino, perdita dei capelli...
Per quanto riguarda "normale attività sessuale" intendo che prima di rimanere incinta e comunque ancor prima di conoscere mio marito ho sempre avuto un'attività sessuale regolare, almeno 2 volte alla settimana, a seguito della gravidanza i rapporti sono stati molto scarsi quasi nulli.. Fino ad arrivare a mesi di astinenza completa.
Ad oggi le posso dire che sono due mesi buoni che i rapporti sono inesistenti.
Ovviamente la situazione è frustrante sia per me che per mio marito, che ovviamente si sta facendo mille paranoie, nonostante sia al corrente di tutto.

[#3]  
Dr.ssa Angela Pileci

52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Capisco che la situazione sia frustrante, ma mi focalizzerei principalmente sull'idea che Lei ha già a partire dalla gravidanza sullo schema corporeo e sulle emozioni legate alla stessa gravidanza. Della vergogna che ha provato che cosa può dire?
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica