Utente 151XXX
mi scusi,
mi serve un altro suo parere cortesemente.
Sono circa 2 anni ormai che trovo tracce di sangue nelle mie urine. la prima volta è stato nel settembre 2009 in concomitanza con una biopsia del collo uterino, e l'ho collegato a questo. poi a febbraio 2010 sono rimasta incinta e per tutta la durata della gravidanza le tracce ematiche sono rimaste, sempre con urinocultura sterile.
il mio gine diceva che il fenomeno era collegato alla gravidanza appunto.
Adesso, dopo 3 mesi dal parto ho rifatto l'esame urine e urinocultura e il risultato è il seguente:

COLORE: GIALLO PAGLIERINO LIMPIDO
TRACCE DI EMAZIE
TRECCE DI LEUCOCITI
SCARSA FLORA BATTERICA
PH 6
PESO SPECIFICO 1020
IL RESTO E' TUTTO NEGATICO, ANCHE L'URINOCULTURA.

Adesso mi chiedo, da cosa puo' essere dovuta secondo lei questa presenza costante di emazie nelle urine?
Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
In questi casi si pensa ad un problema idiopatico (cioè da sempre), infiammatorio od oncologico (ma la sua età ci tranquillizza molto in questo senso ).

Comunque, detto questo, bisogna ora sentire o risentire in diretta un esperto urologo e con lui iniziare le indagini diagnostiche mirate a capitre il problema da lei lamentato.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 151XXX

gentilissimo, grazie della risposta.
Le volevo chiedere ancora una cosa, perchè questa situazione mi sta preoccupando non poco.
Volevo sapere, secondo lei il fatto che il colore dell'urina è comunque normale (GIALLO PAGLIERINO LIMPIDO) e che l'urinocultura è sempre stata negativa, non significano niente?
non credo che la mia situazione sia idiopatica perche' l'ultima analisi urine normale risale all'agosto 2008 dove non c'era tracce di sangue (e neanche prima ci sono mai state). Secondo lei il fatto della gravidanza e che ho partorito da soli 3 mesi non c'entrano niente con tutto cio'?
comunque ho preso appuntamento per un'eco pelvica e renale se puo' essere utile...
grazie ancora

[#3] dopo  
Utente 151XXX

scusi ho dimenticato di dirle che la mia ginecologa mi ha consigliato di effettuare la ricerca del virus hpv nelle urine, dato che ho subito una conizzazione al collo dell'utero proprio a causa del virus nel 2009.
secondo lei le perdite ematiche ptrebbero essere collegate ad un eventuale presenza del virus nelle urine?
grazie ancora

[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
All'ultima domanda le rispondo con un sintetico no!

Alle altre sue osservazioni le rispondo che tutte devono essere tenute in considerazione e rivalutate attentamente dal suo urologo.

Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#5] dopo  
Utente 151XXX

MI DICA UNA COSA CORTESEMENTE,
IL VALORE DELLE EMAZIE NELLE MIE ANALISI E' SEMPRE STATO DI 0,03 mg/dl.
COSA SIGNIFICA QUESTO DI PRECISO? CHE SONO PRESENTI 3 UNITA' PER CAMPO?
PERCHE' IO SAPEVO CHE L'UNITA' DI MISURA DELLE EMAZIE DOVREBBE ESSERE UNITA' NUMERICHE E NON mg/dl, O SBAGLIO DOTTORE?
GRAZIE MILLE

[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Esatto il numero delle emazie non è espresso in mg/dl.

Chieda informazioni al laboratorio dove ha fatto l'esame.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#7] dopo  
Utente 151XXX

Gentilissimo le riscrivo perche oggi ho effettuato l'eco pelvica e apparato urinario. è risultato essere tutto a posto. mi hanno fatto fare deglie smai ematici specific per valutare la funzionalita' renale. volevo chiedere, ho sentito parlare di ematuria post gravidica o malfunzionalita' renale dovuta alla gravidanza e al parto. io ho partorito da 4 mesi e nelle mie urine ci sono ancora tracce di sangue come le dicevo.
secondo lei quali altri esami dovro' fare?
grazie

[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Senta un esperto urologo, la prima valutazione che le indicherà sarà sicuramente una ecografia delle vie urinarie e poi, a cascata, le saranno indicate eventuali altri approfondimenti diagnostici, se necessari.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#9] dopo  
Utente 151XXX

io capisco che siete molto impegnati, ma a volte mi chiedo se le richieste che la gente comune fa su questo sito siano lette o meno bene da voi medici......ogni volta mi trovo a dover ripetermi in cio' che scrivo.....l'ecografia alle vie urinarie l'ho gia' fatta come potra' leggere nella mia richiesta precedente.
comunque la ringrazio lo stesso.
saluti

[#10] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene, se già fatta l'ecografia "urologica" questa dovrà essere ora rivalutata dal nostro collega urologo che avrà la possibilità di visitarla e poi, a cascata, come già detto, dopo una attenta rivalutazione della sua particolare situazione clinica, le saranno indicati gli eventuali ed altri approfondimenti diagnostici da fare, se necessari, per meglio capire la causa della sua microematuria.

Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#11] dopo  
Utente 151XXX

gentilissimo le scrivo di nuovo perche' ho ritirato gli esami del sangue fatti per valutare la funzionalità renale a causa della microematuria che ho da quando ero in gravidanza e che persiste ancora.
tutti i valori sono nella norma, ho solo il fibrinogeno un po alto, (il massimo è 400 e io ho 478)
che cosa vuol dire?
grazie

[#12] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,

il fibrinogeno è una sostanza che interviene durante i processi di coagulazione del sangue.

Un aumento della sua concentrazione nel sangue può essere dovuto a diverse situazioni come: infiammazioni, gravidanza, artrite reumatoide, arteriosclerosi, uso di contraccettivi ed altre patologie.

Un modesto aumento di tale sostanza non ha particolari significati, se dato isolato, ma ora senta anche il suo medico di fiducia in diretta.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com