Utente 513XXX
Buongiorno a tutti, vado subito al dunque. Soffro di una leggera fimosi (a riposo non ho problemi a scoprire il glande, ma in fase di erezione non riesco proprio a scoprirlo totalmente, e la pelle arriva fino a metà o 2/3 del glande, non più giù). Ho già avuto un consulto con un andrologo che mi ha prescritto solamente una crema per elasticizzare la pelle o il frenulo, visto che non riteneva necessario un intervento chirurgico in relazione alla poca gravità del problema, che però non si è risolto. Ora la mia domanda è la seguente.
Pochi giorni fa ho avuto il mio primo rapporto sessuale e ahimè non è finito bene.. Il preservativo si è rotto e non so se sia per la taglia sbagliata, la poca lubrificazione o altre cause. Quello che mi interessa è: può darsi che sia stato colpa del modo che l ho messo? Con la fimosi non ho scoperto il glande ma ho semplicemente messo il preservativo a glande coperto, senza tirare indietro la pelle. Può questo aver influito? In futuro posso continuare con questo (unico per me) metodo o facilita la rottura del profilattico?

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

mettere "il preservativo a glande coperto, senza tirare indietro la pelle", non può aver influito sulla “rottura del profilattico.

Su tutti gli altri problemi, da lei sollevati, invece è necessario chiarirli a quattrocchi con il suo andrologo di fiducia.

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione mirata e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 513XXX

Grazie mille della risposta, e della velocità nel rispondere.